COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Gianfranco Ravasi – Ecco l’agnello di Dio!

L’agnello di Dio di Francisco Zurbarán (1598-1664). Madrid, Museo del Prado.

“Ecco l’agnello di Dio,
colui che toglie
il peccato del mondo”
(Giovanni 1,29)

Il lettore praticante, che è abituato a sentire questa frase ogni volta che il sacerdote leva l’ostia davanti ai fedeli prima della Comunione, si chiederà: perché mai proporre una simile dichiarazione, pronunciata dal Battista, tra le parole difficili presenti nei Vangeli? La risposta è celata proprio nella densità tematica che è sottesa a una frase apparentemente chiara, semplice e abituale nella fede e nella liturgia cristiana. Cerchiamo, allora, di far passare davanti a noi le tre componenti che la costituiscono.

Innanzitutto l’agnello di Dio. Sulle labbra del Battista forse c’è un rimando all’agnello simbolico caro a quella letteratura popolare nota come “apocalittica”: è, allora, l’agnello mite e indifeso che paradossalmente piega e sconfigge le belve del male. Anche nell’Apocalisse di Giovanni si leggerà, infatti, che i seguaci della Bestia satanica «combatteranno contro l’Agnello [Cristo], ma l’Agnello li vincerà, perché è il Signore dei signori e il Re dei re» (17,14). Il simbolo, però, rimanda spontaneamente anche all’agnello pasquale: è ciò che l’evangelista ribadirà quando ricorderà che al Cristo crocifisso non vengono infrante le gambe, proprio come accadeva all’agnello immolato a Pasqua che non aveva nessun osso spezzato (Giovanni 19,36).

Una terza allusione è, però, ancor più rilevante: del Servo sofferente messianico, cantato dal profeta Isaia, si dice che «era come agnello condotto al macello» (53,7). Tra l’altro, in aramaico, la lingua usa- ta dal Battista, è curioso notare che esiste un vocabolo, talya’ , che significa sia “servo” sia “agnello”. Con questa interpretazione che collega l’agnello al Servo del Signore possiamo spiegare la seconda locuzione, colui che toglie . Del Servo messianico, infatti, si diceva che «si era addossato i nostri dolori… portava il peccato di molti» (Isaia 53,4.12). Il verbo ebraico usato, nasa’, indica sia “portare” sia “togliere”. I due significati sono in pratica omogenei: il Messia, e quindi Cristo, si addossa su di sé il male dell’umanità per cancellarlo, lo porta per toglierlo via.

E qui affiora indirettamente un ulteriore aspetto dell’agnello: esso è il sacrificio perfetto e vivente che espia il peccato e riconcilia l’umanità con Dio. Si intrecciano, così, i tre profili dell’agnello apocalittico, pasquale e messianico che abbiamo descritto.

Rimane ora l’ultima locuzione: il peccato del mondo . La liturgia eucaristica cattolica ha introdotto il plurale “i peccati” cancellati dalla vittima sacrificale Cristo. Questa rilettura ha certamente un rimando neotestamentario, perché nella Prima Lettera di Giovanni si legge che Cristo «si manifestò per togliere i peccati» (3,5). Il singolare usato dall’evangelista nella frase che abbiamo esaminato è un riferimento al peccato radicale del mondo, quello di non credere nel Figlio di Dio. «Se foste ciechi», dirà Gesù ai farisei dopo la guarigione del cieco nato, «non avreste nessun peccato; ma siccome dite: “Noi vediamo!”, il vostro peccato rimane» (Giovanni 9,41). L’incredulità ostinata è la base dalla quale si leva e cresce la pianta perversa dei nostri peccati molteplici.

05 luglio 2013
http://www.famigliacristiana.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/01/2021 da in ITALIANO, Riflessioni bibliche con tag .

  • 661.205 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 768 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: