COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Il vescovo comboniano di Bangassou: «Il mio Centrafrica ostaggio di 14 signori della guerra»

Il grido di Juan José Aguirre, occupata dai ribelli: «Il Paese è al centro di una tragica partita internazionale per l’accaparramento dei suoi minerali». La sua diocesi è occupata dai ribelli

Il vescovo: «Il mio Centrafrica ostaggio di 14 signori della guerra»
Avvenire, Lucia Capuzzi sabato 9 gennaio 2021

Juan José Aguirre, comboniano originario di Cordova, è vescovo di Bangassou da quasi 21 anni – Archivio Ansa

«Le strade si sono ripopolate. I ribelli hanno garantito che non avrebbero commesso violenze sui civili e, per il momento, non l’hanno fatto. Non sappiamo, però, se domani si trasformeranno in lupi famelici. Un’altra località, Grimari, è stata appena attaccata. Il futuro è imprevedibile». L’unica certezza di Juan José Aguirre è che i poveri saranno i più colpiti dalla nuova fiammata di guerra centrafricana.

«È sempre andata così nei 40 anni che sono qui», racconta il vescovo spagnolo di Bangassou, nel sud-est, al confine con la Repubblica democratica del Congo, sotto occupazione degli insorti da quasi una settimana. All’alba di lunedì, i miliziani della Coalizione dei patrioti per il cambiamento (Cpc) hanno sferrato l’attacco, prendendo in contropiede i militari, costretti a ripiegare.

Almeno dieci persone sono morte. In diecimila hanno attraversato il fiume Ubangui, diretti in Congo in cui, nelle ultime settimane, l’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Acnur/Unhcr) ha visto arrivare oltre 30mila centrafricani.

Il nuovo protagonista del conflitto, la Cpc, riunisce cinque fazioni ribelli, avversarie fino all’insurrezione del 19 dicembre scorso. Ne fanno parte perfino gli ex acerrimi nemici anti-balaka e Seleka. Proprio la ribellione di questi ultimi – in maggioranza islamici – contro l’allora presidente François Bozizé diede inizio al conflitto civile nel 2012.

Deposto, l’ex leader sperava di ritornare al potere con il voto del 27 dicembre ma la Corte Costituzionale l’ha escluso. Questa sarebbe stata la scintilla dell’attuale insurrezione. Le violenze, però, non hanno fermato le elezioni che hanno visto la riconferma del presidente uscente, Faustin Archange Touadera, con quasi il 54 per cento delle preferenze. I risultati sono, però, contestati. Nove rappresentanti dell’opposizione hanno denunciato «frodi massicce» e chiesto ai magistrati dell’Alta corte di non ratificare l’esito entro il termine del 19 gennaio.

«Il Centrafrica è al centro di una tragica partita internazionale per l’accaparramento dei suoi minerali – oro, diamanti, mercurio, litio – e per il controllo della transumanza, dato che molte aree del Paese sono poco popolate. Quattordici signori della guerra – la metà stranieri, del Ciad, del Niger, del Camerun – controllano il 75 per cento del territorio». Al gioco del tutti contro tutti, partecipano anche Russia – alleata del governo Touadera – e Francia, che secondo alcuni analisti, sosterrebbe la Cpc. È questo l’ostacolo alla pace che, al termine dell’Angelus di mercoledì, ha invocato papa Francesco: proprio in Centrafrica, nel 2015, il Pontefice inaugurò il Giubileo della Misericordia.

«Non è una battaglia politica e tantomeno religiosa, anche se spesso le differenze di fede vengono manipolate per alimentare il conflitto», conclude monsignor Aguirre che, nel 2014, fece da scudo umano per proteggere migliaia di islamici, molti dei quali vivono ancora nelle strutture della diocesi, oltre a 350 orfani. «Abbiamo avviato un progetto di riconciliazione dove vittime e carnefici di quel periodo convulso lavorano insieme. La nuova ondata di violenza l’ha fermato. Ma andiamo avanti, pronti a ricostruire, ogni giorno».

I progetti sostenuti dalla Chiesa italiana​
La Chiesa italiana accanto al Centrafrica ferito. Con l’8xmille stanno infatti camminando progetti come la Scuola agricola Carmel animata dai Carmelitani scalzi alle porte di Bangui, il Complesso pediatrico gestito nella stessa capitale dall’Opera San Francesco Saverio-Cuamm e altre iniziative solidali, formative e umanitarie. Sono «un segno di speranza in un contesto di sofferenza – dichiara al portale http://www.chiesacattolica.it don Lorenzo Di Mauro, responsabile del Servizio per gli Interventi caritativi a favore del Terzo Mondo –. Attraverso i fondi dell’8xmille la Chiesa italiana riesce a farsi prossima a tante persone che hanno bisogno d’aiuto e che sono spesso dimenticate».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10/01/2021 da in Attualità sociale, ITALIANO, Missione comboniana con tag , .

  • 587.402 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 942 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: