COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Oggi 5 febbraio, Giornata contro lo spreco alimentare: cibo sprecato è cibo rubato!

Il 5 febbraio è la Giornata nazionale contro lo spreco alimentare. Una giornata per riflettere, 365 giorni l’anno per agire con azioni concrete. Lo spreco alimentare è un grosso problema per il pianeta e per la nostra società, uno scandalo intollerabile quando pensiamo ai tanti milioni di persone che patiscono la fame. Il cibo sprecato è cibo rubato, tolto ai poveri!

Non sprecare cibo, ma educare al rispetto di ciò che ci viene donato

Nel 2020 solo in Italia sono stati buttati nella spazzatura circa 27 kg di cibo a persona, 3,6 kg a testa in meno rispetto all’anno prima, con un calo del quasi il 12%. In totale il cibo salvato è stato pari a 220.125 tonnellate. Sono alcuni dei dati emersi in occasione dell’ottava Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare promossa dalla campagna Spreco Zero in sinergia con il Ministero dell’Ambiente e con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, e del World Food Programme Italia

Marina Tomarro – Città del Vaticano
5 febbraio 2021
http://www.vaticannews.va

Stop food waste. One health, one planet. Stop spreco di cibo, una salute, un pianeta. È questo il filo conduttore dell’ottava Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare. Lo spreco di cibo a livello domestico in Italia vale 4,9 euro a nucleo familiare. Lo scenario non migliora in Europa, infatti il Belgio spreca 87 kg di cibo pro capite a fronte dei 36 kg di Cipro. Per quanto riguarda le perdite lungo la filiera, la Finlandia, con meno dell’1% di cibo perso, risulta il Paese più virtuoso a fronte di una media europea di circa il 3%.  Di tutto il cibo prodotto ogni anno in Europa, più del 20% viene perso con un costo sia economico che ambientale, visto che lo spreco rappresenta il 6% delle emissioni totali di gas serra prodotte dall’Unione Europea.

Aiutare le aziende a prevenire lo spreco

Proprio per diminuire gli sprechi, nel 2008 nasce Last Minute Market, spin-off accreditata dall’Università degli Studi di Bologna, che poi nel tempo diventa una vera e propria impresa sociale, con l’obiettivo di affiancare le aziende della Grande Distribuzione Organizzata nel recupero delle eccedenze alimentari. Oggi gli ambiti di azione si sono ampliati e oltre al cibo vengono recuperati, ad esempio, anche farmaci a scadenza breve. Last Minute Market vuole quindi promuovere un’azione di sviluppo locale sostenibile, con ricadute positive a livello ambientale, economico e sociale. Infatti permette non solo di sopperire alle necessità materiali di determinate fasce di cittadini, ma assume anche una valenza educativa nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica alle problematiche dello spreco incentivando il consumo consapevole.

Educare i piccoli a non buttare cibo

“Nonostante la situazione stia migliorando si getta via troppo cibo – spiega Luca Falasconi docente all’Università di Bologna e co-fondatore di Last Minute Market – e al podio di questa triste classifica ci sono, in particolare, tre alimenti: la frutta, la verdura e il pane, che essendo cibi freschi tendono a rovinarsi più velocemente degli altri, e quindi ad essere buttati. Noi come Last Minute Market ci muoviamo su due direzioni. Da una parte andando nelle scuole per educare i più piccoli a non buttare il cibo, e questo è particolarmente utile perché poi i bambini vanno a casa e a loro volta cercano di trasmettere quanto hanno imparato anche ai loro famigliari. E poi da sempre affianchiamo le imprese nella lotta allo spreco dando loro delle informazioni per prevenire lo spreco alimentare, e cercando di recuperarlo, donandolo agli enti che fanno assistenza alle persone bisognose”.

Fare una spesa mirata

Ma anche a casa è possibile prevenire lo spreco alimentare. “Bisogna imparare a fare bene la spesa – sottolinea Falasconi – uno degli strumenti più importanti che i consumatori ci segnalano, è quello di fare la lista della spesa ogni volta che si va ad acquistare il cibo, e di pianificare i menù della settimana in modo da acquistare solo ciò che serve. L’ideale è quello di fare due o tre piccole spese settimanali, in modo da poter controllare ciò che compriamo, senza il rischio di non consumare e poi buttare via”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/02/2021 da in Ecologia, Giustizia e Pace, ITALIANO con tag , .

  • 624.900 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 756 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: