COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Un’arma potenziale che uccide 1,5 milioni di persone, senza sparare un colpo

Le maggiori potenze militari del mondo esercitano il loro dominio principalmente a causa dei loro enormi arsenali di armi, inclusi sofisticati aerei da combattimento, droni, missili balistici, navi da guerra, carri armati, artiglieria pesante e armi nucleari di distruzione di massa (WMD).

L’improvviso aumento della pandemia di coronavirus, in particolare negli Stati Uniti e in Europa, ha fatto risorgere la domanda persistente che chiede una risposta: la potenza di fuoco e le armi di distruzione di massa diventeranno obsolete se le armi biologiche, attualmente vietate da una convenzione delle Nazioni Unite, saranno utilizzate nelle guerre in un futuro prossimo?

La Convenzione sulle armi biologiche (BWC), il primo trattato multilaterale sul disarmo che vieta lo sviluppo, la produzione e lo stoccaggio di un’intera categoria di armi di distruzione di massa, è stata aperta alla firma il 10 aprile 1972 ed è entrato in vigore il 26 marzo 1975.

La pandemia ha anche destabilizzato l’economia globale con la povertà e la fame nel mondo che sono aumentate alle stelle a nuovi livelli massimi. E tutto questo, senza sparare un solo colpo in una guerra di nove mesi contro un virus in diffusione.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito di un’altra potenziale crisi, ovvero che i terroristi potrebbero usare armi biologiche per produrre risultati disastrosi. Ha sottolineato che questo tipo di utilizzo di armi potrebbe essere ancora più dannoso del COVID-19. La dott.ssa Natalie J. Goldring, ricercatrice e professore ordinario a contratto con il programma di studi sulla sicurezza presso la Edmund A. Walsh School of Foreign Service della Georgetown University, ha affermato che il mondo deve affrontare molteplici crisi “comprese la minaccia del cambiamento climatico e il rischio di una guerra nucleare”.

Tuttavia, “se un gruppo terroristico fosse in grado di svolgere i complessi lavori di creazione e utilizzo di armi biologiche, il rilascio intenzionale di un’arma biologica potrebbe essere ancora più mortale del COVID-19”, ha affermato Goldring, che è anche professoressa ospite del programma Washington DC della Duke University e rappresenta l’Istituto Acronimo presso le Nazioni Unite sulle questioni relative alle armi convenzionali e al commercio di armi.

Ha ricordato che Guterres sottolinea un punto importante, cioè che “dobbiamo concentrarci immediatamente sulla prevenzione di uno sviluppo di questo tipo. E dobbiamo anche aumentare notevolmente la capacità delle nostre comunità di rispondere alle malattie infettive “.

“I paesi minacciano spesso di usare le loro forze per raggiungere gli obiettivi della loro politica estera e altri obiettivi. La domanda è se l’uso di armi biologiche possa effettivamente rendere obsolete queste forze convenzionali e nucleari?”. E risponde. “Direi che le armi nucleari sono già obsolete e controproducenti. Leggere tutto l’articolo

www.jpic-jp.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10/02/2021 da in Giustizia e Pace, ITALIANO con tag .

  • 702.090 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 775 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: