COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Le barche hanno nomi di donna

Giornata internazionale della donna

La Giornata internazionale dei diritti della donna ricorre l’8 marzo per ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto in molte parti del mondo

desc imgdi Alessandro D’Avenia | 08 marzo 2021
http://www.corriere.it

La forza di una donna non è nella bellezza dei dettagli estetici, piuttosto in quella della sua anima libera». Così scrive la mia collega e amica Cristina Dell’Acqua nel suo recente libro Il nodo magico: una ricognizione delle figure femminili dell’Odissea come veri e propri snodi del viaggio dell’eroe, un viaggio nel mare femminile prima ancora che nel mare avventura che tiene Ulisse lontano da casa. Da quando sono insegnante lavoro soprattutto con donne, perché l’insegnante in Italia è «femmina». (…)

Lavorare con molte donne mi ha fatto crescere in tanti aspetti ai quali, per come sono fatto, non avrei prestato attenzione. Ogni donna è un mondo e lavorare fianco a fianco comporta mescolare sguardi diversi benché siano puntati sulla stessa meta, la crescita dei ragazzi, così come Itaca non è solo la meta da raggiungere, ma la somma degli incontri fatti da Ulisse. Per questo la mia collega di latino e greco sottotitola il suo libro Ulisse, Circe e i legami che rendono liberi: la nostra vita è un’odissea di legami con cose e persone, che possono liberare o incatenare. Furono proprio i Greci a saldare la vicenda umana alla metafora del filare e del tessere con il mito delle Parche: la vita è l’intreccio di trama e ordito, rispettivamente nel telaio il filo orizzontale del tessuto e i fili verticali, sopra o sotto i quali, il primo viaggia (il pezzo di legno che li attraversa si chiama navetta) e si intreccia ai secondi. La vita è il «tessuto» che emerge dal viaggio della nostra navetta in un mare di cose e persone: l’intreccio, più o meno complesso che sia, è la nostra stessa esistenza. Non a caso in psicoterapia si cerca di aiutare il paziente a ritrovare o riannodare il filo della propria storia quando sembra si sia spezzato o sia stato perso, o ci siano rovinosi buchi nella trama (lo diciamo anche di un libro: la trama non funziona).

Ulisse è un «tessuto» di incontri (textum in latino è sia il tessuto sia il testo e non a caso Penelope inganna i pretendenti facendo e disfacendo una tela): diventa se stesso grazie ai legami stretti, anche e soprattutto, con le donne che incontra in viaggio. Da Calipso che lo tiene prigioniero in un’isola paradisiaca a Penelope che lotta per tenerlo vivo in un’isola molto più ordinaria, Omero racconta l’esperienza che l’uomo fa del femminile in una cultura in cui la donna è o pericolosa seduttrice che sottomette l’uomo o sposa e madre che si sottomette all’uomo. Eppure Penelope è non solo capace di ingannare tutti i pretendenti che vogliono prendersela per usurpare il trono di Ulisse, ma tiene testa anche a lui, riconoscendolo solo dopo averlo messo alla prova: senza di lei Ulisse non può veramente tornare. La grande letteratura, seppur limitata dalle consuetudini e idee del contesto in cui nasce, se ne libera: il suo potere è superare gli argini della storia, che non riescono a strozzarla perché l’uomo che crea rompe quei limiti per aprire nuove strade. E così l’esperienza che Ulisse fa del femminile diventa il viaggio stesso: dall’incontro nell’aldilà con la madre Anticlea a quello con Nausicaa, adolescente che sboccia innamorandosi di lui, passando per il legame con Atena e quello con Circe. L’Odissea è soprattutto un’odissea di donne.

«L’eroe, durante il suo avventuroso viaggio, è rimasto ancorato a se stesso grazie agli incontri con le molte donne umane, divine, principesse e maghe, testimoni dell’antica sapienza femminile della tessitura, l’arte di intrecciare trama e ordito dove ogni nodo è un frammento di vita dell’intero tessuto«. Ho amato questo passo del libro, perché anche io per raccontare la mia storia devo scegliere i legami che mi hanno reso uomo (eroe originariamente in greco voleva dire semplicemente uomo: essere eroe è diventare uomo), e in particolare quelli con le donne che il mare della vita (soprattutto nel lavoro) ha messo sulla mia rotta. Forse per questo le barche hanno nomi di donna, perché spingono l’uomo alla rischiosa avventura dell’uscire da se stesso. Oggi e tutti i giorni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/03/2021 da in Donna, ITALIANO.

  • 660.682 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 767 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: