COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Lunedì santo: tenerezza, profumo e lacrime

Dal libro del profeta Isaìa 42,1-7

«Ecco il mio servo che io sostengo, il mio eletto di cui mi compiaccio. Ho posto il mio spirito su di lui; egli porterà il diritto alle nazioni. Non griderà né alzerà il tono, non farà udire in piazza la sua voce, non spezzerà una canna incrinata, non spegnerà uno stoppino dalla fiamma smorta; proclamerà il diritto con verità. Non verrà meno e non si abbatterà, finché non avrà stabilito il diritto sulla terra, e le isole attendono il suo insegnamento».
Così dice il Signore Dio, che crea i cieli e li dispiega, distende la terra con ciò che vi nasce, dà il respiro alla gente che la abita e l’alito a quanti camminano su di essa: «Io, il Signore, ti ho chiamato per la giustizia e ti ho preso per mano; ti ho formato e ti ho stabilito come alleanza del popolo e luce delle nazioni, perché tu apra gli occhi ai ciechi e faccia uscire dal carcere i prigionieri, dalla reclusione coloro che abitano nelle tenebre».

Meditazione
I giorni della settimana santa sono caratterizzati dalla lettura dei cosiddetti canti del servo di Dio, una figura profetizzata da Isaia, che servirà molto a Gesù stesso – e poi agli apostoli e agli evangelisti – per comprendere quale fosse l’immagine di Messia annunciato dai profeti. 
In questo primo canto emerge il carattere della tenerezza e della mitezza.
L’azione del servo è efficace, lui sarà luce delle nazioni, ma senza usare la violenza e senza escludere nessuno. Non griderà né alzerà il tono, non farà udire in piazza la sua voce, non spezzerà una canna incrinata, non spegnerà uno stoppino dalla fiamma smorta; proclamerà il diritto con verità.
Proclamare la verità non richiede necessariamente un atteggiamento arrogante e violento, come a volte anche molti cristiani credono, quasi che la verità sia un valido motivo per ferire ed offendere altre persone.
Lo stile messianico del servo di Dio cantato da Isaia, invece, proclama la verità, diviene luce che illumina, ma avendo attenzione a non rompere situazioni che si manifestano fragilità.
La tenerezza è la via anche scelta da Maria di Betania. Quel profumo esagerato in quantità e valore è il suo modo per dire che accoglie Gesù come colui che è inviato di Dio, come colui di fronte al quale ogni cosa preziosa impallidisce, perfino una cosa preziosa come l’elemosina per i poveri.
Oggi, secondo giorno della settimana santa, siamo chiamati insieme con Maria di Betania, a riconoscere Gesù come il Messia che ci rivela la tenerezza di Dio come via per salvare il mondo.

https://parolacondivisa.blog/

Dal Vangelo secondo Giovanni 12,1-11

Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Làzzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. E qui fecero per lui una cena: Marta serviva e Làzzaro era uno dei commensali. Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì dell’aroma di quel profumo. Allora Giuda Iscariòta, uno dei suoi discepoli, che stava per tradirlo, disse: «Perché non si è venduto questo profumo per trecento denari e non si sono dati ai poveri?». Disse questo non perché gli importasse dei poveri, ma perché era un ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché ella lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me». Intanto una grande folla di Giudei venne a sapere che egli si trovava là e accorse, non solo per Gesù, ma anche per vedere Làzzaro che egli aveva risuscitato dai morti. I capi dei sacerdoti allora decisero di uccidere anche Làzzaro, perché molti Giudei se ne andavano a causa di lui e credevano in Gesù.

Meditazione
La Settimana Santa, la Settimana di Passione comincia qui a Betania, in casa di Lazzaro, di Marta e di Maria. Sono gli amici di Gesù, da sempre. Qui a Betania Gesù si sente a casa. Ha sempre avuto bisogno di questi amici, ha sempre avuto bisogno di un’accoglienza speciale e oggi ha proprio bisogno di Maria, della sua audacia, della sua femminilità, della sua tenerezza. Maria compie un gesto a rischio, va a cospargere i piedi di Gesù, li asciuga con i suoi capelli: c’è una sensualità profonda, una sensualità pura, una sensualità femminile che tanto bene fa a Gesù. Eppure i discepoli ne rimangono scandalizzati. Giuda che grida: “Questi soldi andavano dati ai poveri!” strumentalizza i poveri. I discepoli non sono da meno. Nessuno incoraggia questa donna. Nella Passione di Bach il profumo è tradotto letteralmente con Wasser (acqua). Bach interpreta questo profumo come l’acqua delle lacrime. La Passione comincia così, col versare lacrime su Gesù. Sono le lacrime di Maria, ma sono anche le lacrime della Chiesa penitente, della Chiesa capace di prendere consapevolezza dei propri peccati, della Chiesa umile, della Chiesa che si mette ai piedi di Gesù, della Chiesa che sa riconoscere quello che Gesù sta facendo per lei. Prima delle lacrime di Pietro, le lacrime del tradimento, le lacrime al canto del gallo… Ecco, prima di quelle lacrime ci sono le lacrime di Maria. Sono le lacrime che coinvolgono Gesù nel Mistero Pasquale. Sono le lacrime che cominciano la Settimana Santa. Cominciano la Storia della nostra Salvezza.

don Franco Mastrolonardo
https://www.preg.audio/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/03/2021 da in ITALIANO, Settimana Santa.

  • 660.026 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 767 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: