COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

P. Luciano Perina: Pasqua 2021 – Oltre la vita, oltre la morte

Tombe di confratelli nel cimitero della diocesi di Wau, in Sud Sudan

Qualche tempo fa sono stato al funerale di un mio amico anziano di nome Mario, in un paesino di montagna. La chiesa era piccola e c’era poca gente, a causa della pandemia. Mentre aspettavamo la messa, la mia mente si riempì di pensieri strani: di domande inaspettate e di risposte incerte. Il banco davanti a me era tutto graffiato come da un punteruolo: nomi, parole, frasi e segni graffiati sul legno del banco chissà da quanto tempo e chissà da chi. Una frase in particolare attirò la mia attenzione, “Mario ama Lisa”. E così immaginai un ragazzo, che avrebbe potuto anche essere stato il mio amico Mario che ora si trovava nella bara deposta davanti all’altare …. un ragazzo che, annoiato da una predica che non gli interessava troppo, aveva scritto quella frase, per lui più importante di quanto gli stava dicendo il prete.

Che noia ascoltare certe prediche o spiegazioni di cose celesti, per un uditorio che magari non ha ancora finito di crescere nelle cose terrene. E così, il povero Mario, io me lo immaginavo, intento ad ingannare il tempo, scrivendo con un punteruolo quella realtà meravigliosa che gli riempiva il cuore: il suo amore per Lisa. Questo sì che gli sembrava una cosa importante, e magari molto più di quanto il prete gli stava spiegando. Poi, mentre io ero tutto distratto in questi pensieri, il prete uscì dalla sacrestia e incominciò la Messa. Preghiere bellissime. Pensieri celestiali, con San Paolo che assicurava che, se siamo uniti con Cristo, nella sua vita donata fino alla morte, per il bene degli altri, saremo uniti con Lui, anche nella sua resurrezione, nella sua Pasqua. La Messa continuò, senza troppe distrazioni. Poi, finalmente, dopo l’ultima preghiera del prete, alcune persone andarono all’ambone per dare l’ultimo saluto al mio amico Mario; ricordare le cose belle della sua vita. 

Per primo parlò un suo fratello. Erano sempre stati molto uniti in famiglia. Tante cose belle li avevano visti crescere insieme. E tanta solidarietà, anche nelle prove della vita, li aveva resi sempre più fratelli, tutti l’uno per l’altro. Ma non poté finire il suo pensiero. Un singulto di pianto gli rubò la parola e scese dall’ambone cogli occhi fissi per terra, senza guardare in volto nessuno – il distacco della morte può soffocare anche i sentimenti più sacri, e lasciarci senza parole.

Poi prese la parola una nipote di nonno Mario, una giovane signora di circa 30 anni. Prima di parlare già piangeva, e per questo si capiva poco o niente di quello che diceva. Ma c’era una parola che ricorreva spesso nel suo parlare piangendo, ed era la parola “vicino”. Parlò per cinque minuti abbondanti, e verso la fine del suo ricordo del nonno, la giovane signora si calmò un po’, e allora si poté finalmente capirne qualcosa: il nonno le era stato sempre vicino: quand’era piccola, la portava in braccio; quand’era ammalata, quasi s’ammalava anche lui; quando ebbe bisogno di aiuto, quasi si tolse il pane di bocca; e quando una tragedia frantumò la sua famiglia, il nonno ne soffrì, fino a morirne.

Era bello ascoltare queste testimonianze, così piene di una umanità profonda, che illuminava tutta la vita del mio amico Mario. Ma adesso lui era lì, freddo davanti all’altare, dove avevamo offerto il sacrificio di Cristo, affinché quello che lui era stato durante la sua vita, continuasse ad esserlo ancora, nella Pasqua di Cristo.  Ed io con questi pensieri, e guardando davanti a me quel banco graffiato, dove “Mario” aveva scritto il suo amore per Lisa, pensai … Come passano in fretta tante cose della nostra vita! E come tante altre invece restano a lungo, come quell’amore graffiato sul banco di una chiesa di montagna, o come il ricordo scolpito nel cuore da chi ci è stato vicino e ci ha voluto bene.

Immagino che Dio sorrida davvero e sempre, quando il nostro cuore si apre all’amore: sia quello piccolo e incerto, graffiato con un punteruolo su un banco d’una chiesa, o quello più vivo di nonno Mario, che dura una vita e che vive anche oltre la morte. E certamente Dio sorride forte, soprattutto quando il nostro cuore s’ammala d’amore, per il bene degli altri, come fece Lui, che dopo una vita tutta donata al nostro povero mondo, volle immedesimarsi con noi anche nella morte.

Ma il terzo giorno risorse dai morti e cambiò tutto; ci portò via con se, come dice San Paolo, primogenito della nuova creazione iniziata in quella prima Pasqua.

Lui il suo amore per noi non l’ha scritto sul banco di una chiesa, bensì su una croce che abbraccia il mondo. Un amore che ha sofferto tutte le nostre pene, ha squarciato tutte le nostre incertezze, ha illuminato la nostra storia e ha iniziato un mondo nuovo, dove anche noi, come quel messaggio graffiato sul banco di una chiesa, o come le lacrime della nipote che aveva avuto il nonno sempre vicino, vogliamo essere testimoni, sia delle cose belle che viviamo in questa vita, come pure della cose ancor più belle in cui speriamo, oltre questa vita.

Buona Pasqua!   

P. Luciano Perina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11/04/2021 da in ITALIANO, Missione comboniana.

  • 678.845 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 774 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: