COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Il ponte di Ratzinger tra la fede e il mondo

(Lucetta Scaraffia – «Quotidiano Nazionale») Il Papa emerito compie 94 anni: è il più longevo della storia. Nella sua denuncia del relativismo un magistero duraturo per la Chiesa.

https://ilsismografo.blogspot.com/2021/04/vaticano-il-ponte-di-ratzinger-tra-la.html

Ci sorprende ancora una volta Benedetto XVI, proprio lui che lasciato il pontificato perché si sentiva troppo vecchio: compiuti 94 anni, è diventato il papa più longevo della storia, sia pure «emerito». Proprio lui, che a un primo sguardo sembra essere stato il pontefice meno amato di questa epoca, quello che ha riscosso in misura minore il consenso dei media che hanno finito sempre per etichettarlo come conservatore, se non reazionario, anche a costo di non ascoltare bene le sue parole. È invece a Ratzinger, ai suoi libri e alle sue omelie che dobbiamo ricorrere se vogliamo un bilancio serio e complessivo del rapporto fra la chiesa e la temperie del mondo contemporaneo, se vogliamo capire chi siamo e dove stiamo andando. Soprattutto in quattro grandi discorsi concentrati tra il 24 febbraio e il 24 aprile del 2005 – per la morte di Giussani, ai funerali di Woityła, durante la messa pro eligendo pontifice prima dell’inizio del conclave, e l’omelia per l’inizio del pontificato – è riuscito in poche frasi a sintetizzare il suo sguardo critico e il suo programma rivolti a una chiesa in crisi profonda.

Ai molti cattolici che spesso confondono la fede con il volontariato ha ricordato che «di questo passo, sostituendo la fede col moralismo, il credere con il fare, si cade nei particolarismi, si perdono soprattutto i criteri e gli orientamenti, e alla fine non si costruisce, ma si divide». Un moralismo che dilaga oggi nelle nostre società anche sotto la forma del politicamente corretto, che cerca di farci sentire giusti «a buon mercato», senza ricorrere al riferimento di una fede. Così la bontà diventa spesso una forma di attivismo, un darsi da fare per gli altri senza affrontare il problema di fondo che è nascosto e al quale dà risposta soltanto il cristianesimo, e cioè trovare e dare significato e scopo alla sofferenza.
La sua denuncia più nota, quella per la quale è stato criticato perfino in molti ambienti cattolici, è quella contro il relativismo: «Avere una fede chiara, secondo il Credo della Chiesa, viene spesso etichettato come fondamentalismo. Mentre il relativismo, cioè il lasciarsi portare “qua e là da qualsiasi vento di dottrina”, appare come l’unico atteggiamento all’altezza dei tempi odierni. Si va costituendo una dittatura del relativismo che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io e le sue voglie. Noi, invece, abbiamo un’altra misura: il Figlio di Dio, il vero uomo. È lui la misura del vero umanesimo». Un’affermazione che va contro le mode culturali che predicano una tolleranza che diventa indifferenza e addirittura cinismo verso ogni forma di verità, e lascia gli esseri umani soli e disperati.

Così nella solitudine e nella disperazione dell’essere umano che non si riconosce più come parte della creazione, ma la vuole solo dominare, vede le radici della distruzione della natura, malanno primo del nostro tempo: «Vi è il deserto dell’oscurità di Dio, dello svuotamento delle anime senza più coscienza della dignità e del cammino dell’uomo. I deserti esteriori si moltiplicano nel mondo, perché i deserti interiori sono diventati così ampi. Perciò i tesori della terra non sono più al servizio dell’edificazione del giardino di Dio, nel quale tutti possano vivere, ma sono asserviti alle potenze dello sfruttamento e della distruzione».

Anche se ricorriamo alle sue parole e ai suoi libri per capire, l’estrema fragilità e luminosità della sua vecchiaia ci ricorda la cosa più importante e cioè che «tutti gli uomini vogliono lasciare una traccia che rimanga. Ma che cosa rimane? Il denaro no. Anche gli edifici non rimangono; i libri nemmeno. Dopo un certo tempo, più o meno lungo, tutte queste cose scompaiono. L’unica cosa che rimane in eterno è l’anima umana, l’uomo creato da Dio per l’eternità. Il frutto che rimane è perciò quanto abbiamo seminato nelle anime umane – l’amore, la conoscenza, il gesto capace di toccare il cuore; la parola che apre l’anima alla gioia del Signore».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/04/2021 da in Attualità ecclesiale, ITALIANO con tag .

  • 681.534 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 774 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: