COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Una notte di veglia e la soglia della libertà

Sui passi dell’Esodo
Rosanna Virgili
26/04/2021
https://www.romasette.it/
da https://www.alzogliocchiversoilcielo.com/

Nel suo “discorso programmatico”, riferito dal Vangelo di Luca, Gesù annuncia: «Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi, a proclamare un anno di grazia del Signore» (4, 19-19). Si tratta del famoso insegnamento che fece nella sinagoga di Nazareth, partendo dalla lettura del profeta Isaia e dal libro del Levitico, per far conoscere a tutti per quale missione fosse stato condotto dallo Spirito: quella di riscattare i poveri e gli oppressi da ogni forma di schiavitù. «Oggi si è compiuta questa Scrittura che avete ascoltato», conclude il Signore, affermando che quello attuale, il suo oggi, fosse il tempo della liberazione.

Un’attualità che fa memoria dell’Esodo, che lo reinterpreta e lo vuol far rivivere nella sua potenza di tensione alla libertà. Gesù ripropone quanto l’uscita dall’Egitto aveva nell’anima e la ragione di quell’antica, fondativa epopea: il grido di ogni essere umano alla libertà! Il diritto di ogni popolo di abitare la terra nella pace. Quanto è alla radice dell’immensa pretesa dell’Esodo è la ragione del Vangelo portato da Gesù: la giustizia del Regno di Dio. Un cammino di liberazione che passa attraverso la Pasqua: da quella dell’Egitto a quella della Risurrezione. «Gli Israeliti partirono da Ramses alla volta di Succot, in numero di seicentomila uomini adulti, senza contare i bambini. Inoltre una grande massa di gente promiscua partì con loro e greggi e armenti in mandrie molto grandi. Fecero cuocere la pasta che avevano portato dall’Egitto in forma di focacce azzime, perché non era lievitata (…) Notte di veglia fu questa per il Signore per farli uscire dalla terra d’Egitto. Questa sarà una notte di veglia in onore del Signore per tutti gli Israeliti, di generazione in generazione». (Esodo 12, 37 ss.).

Il Signore restò sveglio tutta la notte per regalare a Israele la libertà! Quale amore doveva essere nella volontà di Dio di mettersi in gioco per la liberazione di un popolo oppresso, vessato, la cui vita era resa amara dal sangue e dalle lacrime, dalla violenza e dall’umiliazione. Anche Gesù, nell’Orto degli Ulivi, vegliò tutta la notte, solo, mentre i suoi amici dormivano: «Gli apparve un angelo dal cielo per confortarlo. Entrato nella lotta, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadono a terra», dice il Vangelo di Luca (22, 44). Come quella del Dio dell’Esodo, anche la veglia di Gesù fu fatta per loro, sia per quelli che dormivano accanto a lui sia per quelli che lo avrebbero ucciso, sia per i vicini sia per i lontani, per i credenti e i non credenti, per i giusti e per i malvagi. Per i poveri, per regalare al mondo la libertà. Gesù non rifiutò di attraversare l’atroce “deserto” della Croce, come il Dio degli ebrei non disdegnò di mettersi in cammino con loro, per quarant’anni in quella steppa di sete e di fame, di malattie infettive e morsi di serpenti, che fu la soglia della libertà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/04/2021 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , .

  • 678.821 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 774 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: