COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Ci sarà l’unione di tutti i popoli turchi? Un nuovo Impero in Oriente: dal Bosforo alla Cina

Diffusione dei popoli turchi.
UN NUOVO IMPERO IN ORIENTE: DAL BOSFORO ALLA CINA
Ci sarà l’unione di tutti i popoli turchi?
Un nuovo Impero in Oriente: dal Bosforo alla Cina
Vladimir Pachkov
La Civiltà Cattolica
Quaderno 4098, pag. 558 – 567, Anno 2021, Volume I
20 Marzo 2021

Per la prima volta nei 100 anni di storia della Repubblica turca, la restaurazione della grandezza passata è diventata la politica del governo turco. Il fallimento dell’integrazione con l’Europa ha avuto come conseguenza che l’idea di un nuovo «impero» risultasse molto attraente.

Un interessante articolo di Civiltà Cattolica per capire dove va la Turchia di Erdogan. Vi proponiamo l’introduzione e la conclusione.

Per la prima volta nei 100 anni di storia della Repubblica turca, la restaurazione della grandezza passata è diventata la politica del governo turco. Il fallimento dell’integrazione con l’Europa ha avuto come conseguenza che l’idea di un nuovo «impero» risultasse molto attraente. Accanto a un’idea neo-ottomana, che si concentra sui Paesi arabi del Mediterraneo e sui Balcani, è diventata una possibilità concreta un’unione dei popoli turchi, fondata sui legami etnici, che si estenda dal Bosforo alla Cina.

La trasformazione dei rapporti tra la Turchia e le popolazioni turche affini nell’Asia centrale e nel Caucaso è diventata realtà concreta con l’ultimo conflitto in Nagorno-Karabakh. In questo caso non si tratta solo di soft power – esercitato sulla cultura o sulla religione – e di relazioni economiche: la Turchia ora è presente anche militarmente – il ministero della Difesa turco si propone di inviare unità turche in Azerbaigian – e mostra di essere senz’altro pronta a sostenere i suoi «fratelli» con ogni mezzo.

Questo è soltanto un esempio di come venga tradotta in concreto l’ideologia del panturchismo. La Turchia non è attiva solo nella regione geograficamente vicina del Caucaso meridionale, e non soltanto con l’aiuto agli azeri – a tale proposito, sia i turchi sia gli azeri dicono di essere un unico popolo che vive in due Stati diversi –, ma anche nell’intera Asia centrale, dall’Iran e Afghanistan fino alla Russia.

Questa regione viene considerata come un tutt’uno, qualcosa di omogeneo, un «mondo turco». E non è solo una questione di fredda comprensione razionale, ma qui entra in gioco anche un aspetto emozionale, che proviene da una storia, una lingua, una cultura e una religione comuni. I turchi della Turchia sono sensibili alle istanze delle comunità di lingua turca presenti nel Caucaso e nell’Asia centrale. Per loro questa regione è importante non soltanto per la sua posizione strategica, ma anche perché essi la considerano la «patria» dei popoli turchi. Dal Caucaso, inoltre, provengono molti degli immigrati in Turchia.

Ci troviamo allora di fronte al costituirsi di una nuova Federazione, o addirittura di un «super-Stato», che va dal Bosforo alla Cina, e che dovrebbe prendere il posto della vecchia Unione Sovietica?

Conclusione

In sintesi, possiamo affermare che, sebbene appaia come poco probabile la prospettiva di una vera alleanza tra i diversi Stati turchi, in particolare sotto la guida della Turchia, attualmente si nota una vera e propria svolta, anche nella posizione dei Paesi dell’Asia centrale, riguardo alla possibilità di una collaborazione più stretta con la Turchia e fra di loro. La generazione di quanti hanno governato queste Repubbliche come capi di partito sta finendo[29], e il loro posto viene preso da persone aperte alle prospettive che abbiamo illustrato sopra.

Il fatto che la Turchia, malgrado la sua notevole potenza economica, sia troppo debole per riuscire da sola a unire questa grande regione rende tale collaborazione ancora più attraente come alternativa ad altre potenze, soprattutto alla Cina (molti, in Asia centrale, temono di essere travolti da questa nazione).

Le élites attuali vogliono stabilire rapporti multipolari, e da questo punto di vista la Turchia costituisce un’opzione concreta, accanto alla Cina, alla Russia, all’Europa e agli Stati Uniti. Tuttavia, come abbiamo già detto, il vero potere di Ankara non risiede innanzitutto nel settore economico o militare, ma nei cervelli, in particolare di quei giovani che, nati dopo il crollo dell’Unione Sovietica, sono alla ricerca di un nuovo ideale e di una nuova identità. Per loro potrebbe divenire molto attraente l’idea di un «super-Stato» turco e islamico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/05/2021 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

  • 681.669 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 774 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: