COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Inferno nel Sahel: circa ventinove milioni di persone a rischio

Al momento, nella regione che si estende tra l’Oceano Atlantico e il Sudan ventinove milioni di persone sono alle prese con una situazione all’orlo della crisi sanitaria, esacerbata negli ultimi anni a causa del peggioramento del clima e dallo scoppio della violenza di matrice islamica.

di Cosimo Graziani
04 maggio 2021
L’OsservatorioRomano

Nel Sahel le condizioni di vita della popolazione sono peggiorate. Lo rendono noto le Nazioni Unite e le ong Norwegian Refugee Council e Plan International.

Al momento, nella regione che si estende tra l’Oceano Atlantico e il Sudan ventinove milioni di persone sono alle prese con una situazione all’orlo della crisi sanitaria, esacerbata negli ultimi anni a causa del peggioramento del clima e dallo scoppio della violenza di matrice islamica.

Secondo le stime presentate delle Nazioni Unite, il numero di persone a rischio nella regione è aumentato di cinque milioni rispetto all’anno scorso. «I dati relativi alla malnutrizione sono aumentati di un terzo nell’Africa occidentale», ha dichiarato Chris Nikoi, il direttore regionale del World Food Programme, riporta Africanews. Julie Belanger, direttrice regionale dell’Ufficio per il Coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite ha fatto appello per l’aumento delle risorse necessarie per affrontare gli aspetti relativi alle crisi sociali e politiche.

Le crisi di cui ha parlato la Belanger sono quelle che causano i problemi più gravi nel breve termine, soprattutto per donne e bambini: l’aumento della instabilità rende ancora più difficile il già debole percorso di scolarizzazione per i bimbi nella regione, mentre le donne sono vittime di abusi e violenze da parte dei gruppi armati che affliggono la regione.

Tutto ciò in una cornice in cui cinque milioni e trecentomila persone sono state costrette a lasciare la regione per emigrare o in Europa o in altre parti dell’Africa. È notizia delle ultime ore il rapimento di alcune donne da parte del gruppo terroristico Boko Haram nel nord della Nigeria. Le vittime sono state sequestrate tra le tremila persone che stavano fuggendo dopo che il gruppo ha rafforzato le sue posizioni a circa due ore dalla capitale Abuja, scrive Africanews.

Il Sahel è una delle regioni più martoriate di tutta l’Africa. È una zona cruciale per le rotte migratorie verso l’Europa, dove sono attive milizie armate di matrice islamica. L’instabilità degli Stati della regione rende il tutto estremamente complicato.

Nei giorni scorsi, in Ciad è stato ucciso il presidente Idriss Déby Itno, al potere da trent’anni, e il Consiglio militare di transizione ha nominato presidente il figlio Mahamat Idriss Déby. Nel Paese sono scoppiate manifestazioni violente e il Consiglio ha accusato i manifestanti di aver bruciato quindici veicoli della polizia.

Anche in Burkina Faso la situazione è instabile: nei giorni scorsi è giunta la notizia dell’uccisione di due giornalisti spagnoli e un attivista ambientale irlandese. L’uccisione è stata rivendicata dal un gruppo terroristico locale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/05/2021 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 701.557 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 775 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: