COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Archivi categoria: Arte e fede

Francesco (secondo Wenders), uomo di parola e di gesti: “La Chiesa povera dei poveri”

Una Chiesa povera per i poveri, la Madre Terra sfruttata, il lavoro che è dignità per l’uomo, la battaglia contro la cultura del rifiuto, dello scarto, il dialogo fra le religioni, i ponti “da costruire con intelligenza” per opporsi ai muri, il messaggio rivoluzionario di Gesù , l’amore come unico strumento per superare le divergenze,…

15/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (15)

Catacombe di Roma: una Madonna bizantina.
L’opera risale al VI secolo ed è significativa dell’arte romana del primo Medioevo dove si possono cogliere gli ultimi bagliori dell’antica pittura. Una ieratica Madonna, in visione frontale, siede placida su un trono rivestito di lastre d’oro…

15/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (14)

Rupnik: l’arte come preghiera.
In Rupnik, come nella tradizione orientale, l’arte in un certo qual modo diventa liturgia, l’artista non vuole solo rappresentare oggettualmente la scena che ha in mente, ma vuole coinvolgere la soggettività dello spettatore.

14/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (13)

Due artisti italiani recentemente si sono impegnati a celebrare Maria attraverso l’illustrazione delle Litanie e dei Misteri del Rosario.: Giuseppe Rivadossi e Floriano Bodini.

13/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (12)

Giovanni Battista Montini, a Milano come arcivescovo, e poi a Roma come Pontefice, era in rapporto di amicizia con numerosi artisti, credenti e non credenti, di cui incoraggiava la creazione artistica nel rispetto più assoluto dell’autonomia dell’arte.

12/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (11)

Scultura contemporanea: Adolfo Wildt Anche lo scultore lombardo Adolfo Wildt, docente a Brera, recupera, nella modernità, lo stile gotico, levigando il marmo, fino a trarne la massima luminosità, lavora la … Continua a leggere

11/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (10)

La Madonna nella scultura contemporanea:
Henry Moore e Marek Szwarc.
Nella scultura contemporanea numerose opere sono state dedicate a Maria, ma posso soffermarmi solo su due artisti, l’inglese Henry Moore e il polacco Marek Szwarc.

10/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (9)

Madonne dei nostri tempi:
Michel Ciry ha dedicato a Maria numerosissimi quadri, incisioni, una sinfonia, soffermandosi soprattutto sul tema dello Stabat Mater, perché vede in Maria, non ai piedi della Croce, ma in piedi di fianco al Cristo crocifisso, il momento culminante della sua collaborazione alla redenzione.

09/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (8)

Madonne dei nostri tempi:
Paul Gauguin, Vincent van Gogh, Henri Matisse.
I grandi artisti hanno saputo affrontare questa tematica con sicurezza, perché l’intuizione creativa sa cogliere il mistero.

08/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (7)

In salvo, sotto il manto blu della Vergine.
Sessant’anni fa nel cielo segnato dalla seconda guerra mondiale, volava un pilota britannico incaricato di bombardare il distretto di Tubinga. Giunto sopra Ravensburg, egli fece per rilasciare il suo carico di esplosivo ma una donna, con il manto aperto, apparve all’orizzonte.

07/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (6)

La Madonna sul monte che avvicina le civiltà.
In un’epoca di scontro fra civiltà affidiamoci alla Vergine del Monte: lei ci aiuterà a entrare in quel connubio fra umano e divino che allontana il devozionismo e genera una fede capace di cultura.

06/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (5)

La luna sotto la Vergine Maria.
Tra i simboli ricorrenti nelle nostre chiese uno dei più famigliari è senz’ombra di dubbio la luna che, collocata sotto la Vergine Maria, campeggia indisturbata in mille affreschi, o statue o mosaici.

05/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (4)

La Pietà Rondanini di Michelangelo:
la morte è una madre.
Michelangelo Buonarroti, Pietà Rondanini (1552-1564), marmo. Dal 2 maggio la scultura è visibile nella nuova collocazione nell’ex Ospedale Spagnolo del Castello Sforzesco, a Milano.

04/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (3)

Santa Maria in Domnica alla Navicella.
La chiesa di Santa Maria in Domnica alla Navicella (Roma) è stata fondata come piccolo oratorio nel settimo secolo. Collocata sulla sommità del colle Celio, sorge in un importante snodo stradale della Roma antica

03/05/2018 · Lascia un commento

La Madonna nell’arte (2)

La Madonna dei Pellegrini.
La Madonna dei Pellegrini di Caravaggio nella basilica di Sant’Agostino in Roma: dalla leggenda alla realtà storica, di Andrea Lonardo.

02/05/2018 · 1 Commento

La Madonna nell’arte (1)

La Madonna del Roseto.
È un dipinto tempera su tavola attribuito a Michelino da Besozzo o, alternativamente, a Stefano da Verona, databile al 1420 o 1435 circa e conservato nel Museo di Castelvecchio a Verona. È tra le opere più significative dello stile gotico internazionale in Italia.

01/05/2018 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (109)

Ecco: siamo un mondo in bianco e nero. Non abbiamo più colore. Abbiamo negli occhi le straordinarie immagini superdefinite, negli infinitesimali pixel che ricostruiscono la realtà più viva e più bella di quanto non la percepisca l’occhio nudo, eppure siamo ogni giorno protagonisti di una nuova Guernica.

27/04/2018 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (108)

Anche noi nel deserto, dibattuti fra il teschio e una lucertola.
È bello che l’annuncio cristiano sia affidato alle donne: nel loro utero, così simile alla terra, si consuma il trionfo della vita, qui ogni uomo impara esperienzialmente che oltre al dolore del parto c’è una grande promessa di vita e di felicità.

11/04/2018 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (107)

Gérôme, l’umanità chiede perdono sotto la Croce del Golgota.
Sì, non c’è icona più bella per la Pasqua ormai vicina di un dipinto di Jean-Leon Gérôme, del 1867, dove una nube oscura, quella della storia, sembra inghiottire il cielo…

28/03/2018 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (106)

Mentre la famiglia è in piena crisi (e si affacciano leggi offensive per la dignità umana) emergono dal passato testimonianze colme di fascino e di fede. Il 22 gennaio 627, 14 secoli fa, moriva a Monza, mia città, la regina Teodolinda. Una Cappella a lei dedicata, affrescata dagli Zavattari e recentemente restaurata, racconta con eleganza la storia di questa splendida figura di donna.

29/01/2018 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (105)

Per un motivo o per l’altro, ogni anno, vicino a Natale, i luoghi dell’Incarnazione del Verbo vivono la tragedia. Stavo guardando il sito della Farnesina, a causa di un pellegrinaggio in Terra Santa organizzato in parrocchia, quando mi sono imbattuta in un’opera di William Blake a me sconosciuta: Il Cristo Bambino dormiente sulla croce.

21/12/2017 · Lascia un commento

Archeologia. Una Croce racconta i martiri del Colosseo

Gli studi dello storico Guiducci su un graffito scoperto nei recenti restauri sembrano smentire la vulgata secondo cui nel celebre anfiteatro non furono uccisi cristiani Ci fu martirio di cristiani … Continua a leggere

15/12/2017 · Lascia un commento

Arte, manifestação da beleza

A experiência cristã precisa de ser traduzida na linguagem da beleza, na linguagem artística, como diz João Paulo II, na Carta aos Artistas: «Para transmitir a mensagem que Cristo lhe confiou, a Igreja tem necessidade da arte. De facto, deve tornar percetível e, até, o mais fascinante possível, o mundo do espírito, do invisível, de Deus.

19/05/2017 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (104)

In questa personale curata da Filippo Aldovini, la prima in un museo italiano, Zimoun ha realizzato cinque installazioni cinetiche, una per ogni sala della Palazzina, utilizzando decine di scatoloni di cartone da imballaggio dotati esternamente di pendoli, sfere, palline di polistirolo o di cotone appese a cavetti che entrano in movimento secondo ritmi e suoni generati da sistemi meccanici automatici.

08/01/2017 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (103)

Magi, il semplice gesto dell’adorazione che ci salva dall’oscurità.
Pensavo a tutto questo mentre contemplavo un affresco conservato nella Pinacoteca di San Francesco a San Marino, recentemente attribuito a Bitino da Faenza, artista minore di origine romagnola. L’affresco offre un singolare messaggio: pur avvalendosi di una iconografia consolidata Bitino sembra regalarci un insegnamento profetico che, forse solo noi oggi possiamo comprendere appieno.

05/01/2017 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (102)

Su ogni Natività c’è già l’ombra della Croce.
Rembrandt ci permette di entrare nella casa della famiglia di Nazaret ad un’ora serale, tutto è avvolto nella penombra: il piccolo Gesù dorme e Giuseppe si attarda a piallare un giogo. Tutta la luce della stanza è sulla Vergine che pare tesa fra due poli: la Parola che tiene fra le mani e il suo divin Figlio.

05/01/2017 · Lascia un commento

Il nuovo anno inizia con Maria

Il nuovo anno inizia con Maria. La storia dell’arte cristiana è unica, perché unica è la storia cristiana, cioè la storia di Cristo. Si lascia alle spalle tutta la seduzione … Continua a leggere

01/01/2017 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (101)

Ecco l’Agnello che annuncia la luce della salvezza. Il Battista è una delle figure rappresentative dell’Avvento infatti, nella terza domenica, si parla di lui come il più grande fra i … Continua a leggere

11/12/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (100)

La fede e la morale possibile del banchiere.
Lui sta pesando le sue monete. Non c’era ancora l’Euro a facilitare tutto, il cambio era necessario. Così, il cambiavalute del XV secolo dipinto da Quentin Massys è tutto intento a valutare una moneta sul peso dell’oro. Una scritta, presente sulla cornice (andata perduta), diceva più o meno così: bilancia giusta e pesi corrispondenti al valore. Insomma fare il banchiere non significa rinunciare a una buona coscienza e alla rettitudine morale…

08/12/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (99)

Si rimane sgomenti di fronte a certe affermazioni. Sgomenti anche perché – a differenza di altre di minor portata – passano in sordina. Mi riferisco a quel giornalista che, riguardo all’ultimo terremoto, ha scritto su Facebook: «Il crollo delle chiese, però, è divertente». Come può divertire il crollo di edifici della memoria storica di un paese, di un popolo? Del crollo di un edificio storico, laico o religioso che sia, non ci si può rallegrare.

16/11/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (98)

La gloria invisibile degli innocenti Wiliam Holman Hunt (1827-1910) era stato in Terra Santa, quel viaggio gli era come rimasto addosso facendogli realizzare opere che trasudano del sapore drammatico e … Continua a leggere

14/11/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (97) La Via Crucis delle camere a gas

La Via Crucis delle camere a gas
Stavo tornando a casa, in macchina. Un rientro come tanti, ma pieno del ricordo della splendida sequenza delle tele di Duda Gracz, sul Golgota di Jasna Gora: una testimonianza straordinaria di fede e di dolore.

15/10/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (96)

Quando Magritte evocava l’angelo
Angeli e demoni sono tornati di moda presso numerose sette, esoteriche o di estrazione New Age, e questo è continua fonte di confusione tra i fedeli. Per contro alcune correnti teologiche tendono a ridurre il significato e la portata della presenza degli angeli

03/10/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (95)

La “Madonna della consolazione”, i gesti del dolore e della fede.
È una Madre degli afflitti quella dipinta da William-Adolphe Bouguereau nel 1875 e custodita nel Musées de la Ville di Strasburgo, ma da tutti è chiamata Madre della consolazione.

18/09/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (94)

Una scossa per scuoterci dal torpore.
È mattino. Fende l’aria l’accordo, solenne e lamentoso, dell’organo. La mia comunità intona il primo salmo delle lodi: «La mia voce sale a Dio e grido aiuto, la mia voce sale a Dio finché mi ascolti”. Nel cuore riecheggia il lamento delle popolazioni colpite dal terremoto e, cantando, sale alla memoria un’immagine poco nota di Sophie Anderson, artista britannica del XIX secolo.
In Italia, dall’anno Mille a oggi, ci sono stati 4.800 terremoti in forma grave. Ciò significa che il sesto sigillo dell’Apocalisse, il terremoto appunto, ricorre nel nostro paese più di quattro volte l’anno.

17/09/2016 · Lascia un commento

Plensa, il sacro da Oscar

Il dialogo con i contemporanei nella basilica di San Giorgio Maggiore a Venezia. E l’installazione dell’artista catalano vince il Global Fine Art Awards: la prima volta di un’opera in una chiesa

03/09/2016 · Lascia un commento

L’arte della fede

La bellezza dell’annuncio
di Gianfranco Ravasi
«Se un pagano viene e ti dice: “Mostrami la tua fede!”, tu portalo in chiesa e mostra a lui la decorazione di cui è ornata e spiegagli la serie dei quadri sacri». È davvero suggestivo questo monito di san Giovanni Damasceno, il cantore delle icone, per definire la funzione decisiva dell’arte nel primo annuncio della fede.

03/09/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (93)

Siamo nell’anno della Misericordia eppure sembra che la misericordia sia fuggita dal nostro mondo. Rimane solo perché chiamata a gran voce dalla fede della Chiesa e dalle lacrime dei credenti. Sieger Köder, artista scomparso recentemente, sacerdote tedesco che ha illustrato quasi tutta la Bibbia, condensa tutte le sette opere di misericordia dentro una casa. Le rivisita con un’edizione, per così dire, familiare. Certo non è una casa qualunque, è la casa di Betania, la casa di Marta, di Maria, di Lazzaro. È la casa degli amici di Gesù.

07/07/2016 · Lascia un commento

Codex Purpureus, il libro illustrato più antico

Torna in Calabria il Codex Purpureus Rossanensis,
celeberrimo evangelario Patrimonio dell’Umanità,
forse il più antico libro illustrato della storia.
Il manoscritto di 188 pagine, che risale al V-VI secolo e fu trovato a Rossano a metà Ottocento ha concluso i lavori di restauro di un’opera unica al mondo, e Patrimonio Unesco. Dal 2 luglio sarà possibile ammirarlo nel museo diocesano della città del Cosentino.

06/07/2016 · Lascia un commento

El ángel que pasó 900 años oculto bajo el yeso en la Iglesia de la Natividad de Belén

“Este lugar tiene muchas dimensiones”, dice Gianmarco Piacenti de la Iglesia de la Natividad de Belén, Cisjordania. “Y desde el punto de vista histórico es fantástico, y también desde el … Continua a leggere

30/06/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (92)

Thomas Merton, quando voleva conoscere le ultime notizie sul mondo, apriva il libro dell’Apocalisse; una lettura che accompagna i cattolici, o almeno quanti recitano mattutino, durante tutto il periodo pasquale. In effetti, il libro, più che raccontare del futuro sembra, oggi più che mai, parlare del presente. È il caso del capitolo 16 dove i tre dominatori del mondo, drago, bestia e falso profeta, s’impadroniscono degli animi diffondendo spiriti che escono dalle loro bocche sotto forma di rane. Lo racconta con una veridicità impressionante un miniaturista del XIII secolo.

10/06/2016 · Lascia un commento

Le cappelle della REGGIA di Caserta, tesoro nascosto

Uno degli aspetti meno noti della famosa Reggia di Caserta è quello religioso. Nel celebre Palazzo sono presenti varie cappelle, una delle quali, l’oratorio di Ferdinando II di Borbone, è stata restaurata di recente: un patrimonio artistico e spirituale poco conosciuto e poco valorizzato. Costituisce nel suo complesso una delle tante risorse di un sito rinomato in tutto il mondo e da qualche tempo al centro di polemiche, soprattutto per via del degrado che negli ultimi anni ha caratterizzato il Palazzo e il celebre Parco.

08/06/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (91)

Ci guarda silenziosa, questa Madonna, la cui origine viene attribuita addirittura a San Luca e che oggi pochi conoscono; eppure durante il Medioevo attirava enormi masse di fedeli, fino a 50 mila. Questa Vergine mite porta un nome che evoca la guerra, anzi la caccia: si tratta della Madonna di Saidnaya, che in lingua siriaca significa appunto: “Signora della Caccia”.

30/05/2016 · Lascia un commento

Dentro la bellezza (90)

Dalí e quel «cielo» nel cuore di chi ha fede.
Il cielo non si trova né in basso né in alto, né a destra né a sinistra. Il cielo si trova esattamente nel centro del petto dell’uomo che possiede la fede (Salvador Dalí). Basterebbe, forse, questa frase a commentare l’opera di Dalí dal titolo significativo di Croce nucleare. Uno degli artisti più controversi e eccentrici, uno del quale George Orwell ebbe a dire: «Dalí è contemporaneamente un grande artista e un disgustoso essere umano. Una cosa non esclude l’altra, né in alcun modo la influenza»…

27/05/2016 · Lascia un commento

Hierapolis, sorprese dell’altro mondo

Hierapolis è un patrimonio Unesco visitato ogni anno da un milione e mezzo di turisti. A fondarla, tre secoli prima di Cristo, lungo la “strada reale persiana” che collegava Persepoli al Mediterraneo, fu un successore di Alessandro Magno. In età romana imperiale Hierapolis divenne uno dei centri più importanti dell’Asia Minore, ricca di monumenti in marmo e in travertino. Ma nel 1957 ad attirare le attenzioni di Paolo Verzone, torinese esperto in architettura bizantina, fu altro: la misteriosa tomba di san Filippo.

11/05/2016 · Lascia un commento

500 anni di Hieronymus Bosch: Visioni dall’Apocalisse

Visionario, apocalittico, fantasmagorico… ma soprattutto realista. Sì, Hieronymus Bosch è uno dei più grandi realisti della storia dell’arte. Ha dato colore e forma alla sostanza stessa della realtà, non si è accontentato di offrircene la superficie, per quanto splendente. La disposizione di molteplici scene su più piani – che caratterizza gran parte delle sue opere – vuole cogliere l’essenza delle cose nel segno della multiformità, e mostrarci il dialogo quotidiano tra terra e cielo, tra creatura e Creatore.

11/04/2016 · Lascia un commento

Castiglione, il pittore gesuita alla corte dei Qing

250 anni fa moriva a Pechino il missionario gesuita Giuseppe Castiglione, dopo 50 anni alla corte imperiale come pittore. Con grande decisione ha speso la vita nello sforzo di mettere in comunicazione tra loro due universi artistico-culturali apparentemente lontani e inconciliabili e ha messo il proprio pennello e la propria abilità al servizio del dialogo tra le culture. Realizzando una felice sintesi prima di tutto in se stesso e poi nella sua arte.
Il suo stile missionario gli permise di mantenere una presenza cristiana a corte anche nel periodo più drammatico della controversia sui riti cinesi, quando tutti gli altri missionari vennero banditi dall’impero. Contribuì personalmente a far attenuare alcune condanne nei loro confronti, proprio grazie a quanto seminato attraverso il suo dialogo nell’arte, che si dimostrò prezioso per mantenere aperto un canale di comunicazione anche nel momento della massima chiusura.

07/04/2016 · Lascia un commento

O poder espiritual da arte

Lutei muito com a arte contemporânea. É quase uma tentação esmagadora dizer que ela não é efetivamente arte. Mas eu resisti à tentação, recordando a mim mesma que a arte pode funcionar a níveis diversos. É como a literatura. Há grandes poemas e obras teatrais e romances, mas há também obras de entretenimento. As grandes obras acompanham-nos por toda a vida. As outras são ocasião de simples leitura e o efémero é rapidamente esquecido. De ambas, todavia, obtém-se prazer, ainda que de géneros profundamente diferentes. É também assim para a arte. Muitas obras modernas, instalações e vídeos são aquilo que chamaria arte “one look”. Não suportam a contemplação mas também não pretendem fazê-lo.

05/04/2016 · Lascia un commento

Mao, icone del “paradiso cinese”

Mostra “China. Rivoluzione evoluzione”:
Mao nelle sue idee dimostrava di essere davvero il “grande timoniere”, anzi, rispetto ai dittatori dei grandi regimi totalitari del Novecento, Mao dimostra anche nella propaganda di essere più moderno. Lo si comprende osservando i manifesti cinesi fra il 1949 e il 1983, dove è chiaro fin da subito che anche nell’immagine il maoismo è più efficace del comunismo sovietico.

18/03/2016 · Lascia un commento

Perugino e Raffaello vanno a Nozze.

All’inizio ci fu l’anello. L’anello nuziale della Madonna, niente poco di meno, figurarsi che reliquia pregiata e potente. Il suo arrivo a Perugia nel 1473 fu ritenuto un segno del … Continua a leggere

15/03/2016 · Lascia un commento

  • 352.743 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 765 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie