COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Archivi categoria: Fede e Spiritualità

Preghiera al mutare delle stagioni: Autunno

L’equinozio d’autunno, momento nel quale il Sole si trova allo zenit dell’equatore, è il convenzionale spartiacque fra la stagione estiva e quella autunnale. Alla data del momento equinoziale inoltre, come avviene durante l’equinozio di primavera, il giorno e la notte hanno esattamente la stessa durata

22/09/2020 · Lascia un commento

Trent’anni fa l’omicidio Livatino, una vita tra fede e diritto

Il servo di Dio Rosario Angelo Livatino, magistrato siciliano morto nel 1990, è un esempio ancora vivo oggi e importante per la Chiesa e per la società. Seppe consacrare a Dio il suo lavoro e la sua delicata attività di giudice.

21/09/2020 · Lascia un commento

Ravasi: Questa nostra carne, tempio dello Spirito

Dalla Genesi alle Lettere apostoliche excursus dedicato all’importanza data alla fisicità corporea nelle Sacre Scritture

16/09/2020 · Lascia un commento

XXV Domenica del Tempo Ordinario (A) Lectio

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola : 1 «Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all’alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna.
È questa la quinta delle sette volte in cui Gesù paragona il Regno dei Cieli a uomini, cose o situazioni

15/09/2020 · Lascia un commento

Perdono e pentimento: tre paradossi

L’atto di perdono, di bontà, di riconciliazione e – in qualche modo – di conversione, in particolare della vittima, si rivela essere al contrario un preciso e sottile piano sadico e di vendetta (appunto!) verso il colpevole.

13/09/2020 · Lascia un commento

Ci perdoniamo o ci perdiamo

Il perdono non è una categoria psicologica. Perdonare non coincide col dimenticare o col rimuovere il male subìto o con la capacità di minimizzare l’offesa o col ritenere che riconciliarsi riporterà le cose allo stato di prima. Perdonare non significa giustificare l’altro. Capire sì, giustificare no.

12/09/2020 · Lascia un commento

Enzo Bianchi – C’è un deserto in ciascuno di noi

“Ho sempre amato il deserto. Ci si siede su una duna di sabbia. Non si vede né si sente nulla. E tuttavia qualcosa riverbera in silenzio. Ciò che lo rende bello è che nasconde un pozzo da qualche parte…”.

10/09/2020 · Lascia un commento

Carlo Acutis sarà beatificato ad Assisi il prossimo 10 ottobre

La malattia lo portò via in sole 72 ore. Prestissimo si è diffusa la devozione per il giovane Carlo, con oltre 200 siti a lui dedicati, e lo scorso febbraio è stato riconosciuto un miracolo attribuito alla sua intercessione, la guarigione di un bambino in fin di vita in Brasile.

06/09/2020 · Lascia un commento

Manifesto su Dio

Noi credenti abbiamo concezioni diverse riguardo all’Essere Supremo, alcune sono errate o alienanti, e altre sono corrette e solidali. Di fronte a questa diversità sulla natura divina: Mi dichiaro ateo rispetto al Dio… Ma Credo nel Dio amore

03/09/2020 · Lascia un commento

Meditazioni sul Vangelo di Matteo

Una delle più importanti caratteristiche del vangelo matteano è la presenza di cinque lunghi discorsi, pronunciati da Gesù in persona. Sembra che Matteo abbia voluto raccogliere i detti o i loghia di Gesù, che circolavano tra i discepoli, parte dei quali raccolti nella cosiddetta fonte Q o Quelle, intorno a delle grandi tematiche.

31/08/2020 · Lascia un commento

Sono innamorato del buio e del silenzio che aiutano a vivere

«Ogni epoca presenta luci e ombre. Bisogna poi intendersi su cosa si intende per buio. Se intendiamo il buio in riferimento all’inumano che si fa strada tra i viventi, allora possiamo dire che nel nostro Occidente stiamo vivendo tempi cattivi, in cui quasi ci si fa un vanto della cattiveria».

29/08/2020 · Lascia un commento

Enzo Bianchi – La voce delle pietre

Se facessimo attenzione e sapessimo guardare ai sassi, ai ciottoli della spiaggia e dei torrenti montani, o a quelli che affiorano dalla terra, ascolteremmo anche da essi un messaggio, almeno una voce. Come infatti scrive san Paolo, “non c’è creatura senza voce”.

21/08/2020 · Lascia un commento

Amami come sei

Conosco la tua miseria,
le lotte e le tribolazioni della tua anima,
so la tua viltà, i tuoi peccati,
e ti dico lo stesso: Dammi il tuo cuore, amami come sei.
Se aspetti di essere un angelo
per abbandonarti all’amore, non amerai mai.

21/08/2020 · Lascia un commento

In vacanza con un padre del deserto

Accostare la sapienza dei padri del deserto alle vacanze potrà sembrare strano, persino irriverente: i padri del deserto, questi monaci che cercavano di vivere il vangelo nel modo più radicale a costo di andare controcorrente, non conoscevano certamente periodi e tempi di riposo o di svago…

18/08/2020 · Lascia un commento

La strada della bellezza

Molte cose concorrono nella bellezza. Una fra queste, certamente, è lo sguardo interiore capace di cogliere la verità, l’armonia, la pienezza in un oggetto, in un paesaggio, in una persona. Possiamo stare con Gesù tutta la vita, e frequentarlo, e credere, e seguirlo. Ma fino a quando il nostro sguardo interiore non si arrende alla sua bellezza, non ne saremo mai definitivamente segnati.

10/08/2020 · Lascia un commento

«Non ce l’ha fatta»

Da un certo numero di anni circola un’espressione in precedenza poco immaginabile. Per annunciare il decesso di un malato grave o di una vittima di un incidente, si ricorre alla perifrasi «non ce l’ha fatta». Essa corona, con rammarico, quanto era stato comunicato nei giorni precedenti, dicendo «sta lottando…».

27/07/2020 · Lascia un commento

Santa Sede: “conversione missionaria” nelle parrocchie e unità pastorali

Nuova Istruzione della Congregazione per il Clero per “ripensare” la parrocchia e la missione dei sacerdoti e dei laici. La parola chiave delle unità pastorali è “prossimità”. I diaconi non sono “mezzi preti” o “super laici”. “L’ufficio di parroco non può essere affidato a un gruppo di persone”. Non “mercanteggiare” i sacramenti

21/07/2020 · Lascia un commento

Perché Dio ci parla senza imporci di ascoltarlo

Nella Sacra Scrittura si afferma che il lavoro più vicino a Dio è quello del contadino, perché legato alla precarietà del tempo e delle stagioni; non a caso Gesù nel Vangelo di questa domenica, per descrivere quello che avviene in noi all’annuncio della Parola di Dio, prende ad esempio un uomo che semina il suo campo.

12/07/2020 · Lascia un commento

L’avventura della santità

In una società liquida, come è stata definita l’attuale, trovare dei punti fermi, su cui i giovani possono far leva per progettare il proprio futuro, non è così facile. Alle ideologie totalizzanti e alle utopie che li hanno affascinato nel secolo scorso si è sostituito un triste orizzonte di nichilismo, relativismo, indifferenza e provvisorietà.

12/07/2020 · Lascia un commento

Le religioni e l’aldilà

Il funerale dovrebbe essere il momento in cui i morti evangelizzano quanti rimangono da questa parte; invece, durante i riti di commiato si applaude al defunto, scorrono le sue immagini in video, e ci scopriamo, una volta di più, incapaci di abitare il silenzio, la perdita e il vuoto.

09/07/2020 · Lascia un commento

Il cacciatore e il consolatore

Spirituale non è, come purtroppo si intende oggi, chi è lontano dalle cose terrene, ma chi «respira pienamente» in mezzo a quelle cose senza soffocare, perché trova la vita che hanno dentro. Far la lavatrice o la spesa può essere più spirituale di leggere e pregare: non è l’azione in sé, ma quanto amore ci metto (come e per chi lo faccio?).

07/07/2020 · Lascia un commento

Dalla distrazione alla dedicazione

Per un certo tempo noi religiosi ci siamo interrogati sulla nostra vita nella Chiesa e sulla forza di attrazione della nostra testimonianza. Non è necessaria un’intelligenza straordinaria o una profonda analisi per rendersi conto che ciò che chiamiamo «vita religiosa» ha perso qualcosa del suo impatto nella Chiesa e fuori delle sue mura.

02/07/2020 · Lascia un commento

Enzo Bianchi – Cosa significa vivere da stranieri

Stranierità vuol dire rinuncia a essere “padroni di casa”, abbandono dell’autosufficienza che genera l’esclusione dell’altro. In positivo, si manifesta come solidarietà e soprattutto condivisione (vero nome della carità intelligente), praticata da chi ha rinunciato a possedere la terra per sé.

30/06/2020 · Lascia un commento

L’esame di coscienza e il discernimento

Quando a Ignazio di Loyola chiesero quale fosse il modo di pregare più importate per lui rispose: “l’esame di coscienza”.

30/06/2020 · Lascia un commento

L’esperienza spirituale del cammino dell’uomo

Oggi in Occidente va di moda camminare e fare i pellegrinaggi per purificarsi e fare esperienza. E’ bello e aiuta. In altre parti del mondo ci sono invece milioni di persone che camminano per scappare da luoghi di guerra o di carestia, dove manca acqua e cibo.

28/06/2020 · Lascia un commento

Enzo Bianchi – Conoscere se stessi il viaggio più lungo

La conoscenza di sé è indispensabile per percorrere l’itinerario della vita interiore e umana. È vero, tale conoscenza non è mai piena: ciascuno resta un mistero anche a se stesso e a volte può apparire un enigma con ombre e lati oscuri che non vorrebbe vedere, e che magari stigmatizza negli altri.

27/06/2020 · Lascia un commento

Helder Camara: Partire è…

Un buon camminatore sa che il grande viaggio è quello della vita, e che questo presuppone dei compagni.
“Compagno”: etimologicamente è quello con cui si divide lo stesso pane.
Beato chi si sente eternamente in viaggio e in ogni prossimo vede un compagno di viaggio.

26/06/2020 · Lascia un commento

Le regole del discernimento dei Gesuiti, un tesoro nascosto

Il discernimento nella vita spirituale aiuta a compire le scelte. Discernere vuol dire setacciare, vagliare, distinguere le voci del cuore che ci abitano per poter fare scelte libere, responsabili e consapevoli.

25/06/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Il cosmo, la natura e l’uomo “forgiato” da Dio: una ecologia cristiana dell’ambiente e della persona

“Non so che immagine abbia di me il mondo, ma io mi vedo come un bambino che gioca sulla riva del mare e di tanto in tanto si diverte a scoprire un ciottolo più levigato o una conchiglia più bella del solito, ma davanti a me si stende ancora inesplorato l’immenso oceano dell’universo e della verità” (Newton)

25/06/2020 · Lascia un commento

Io ho paura di me

Io ti prometto che non avrò mai paura di te. Questo, posso, questo ti giuro. Io non ho paura di svelarti cosa si muove nel mio cuore, di spogliarmi dalle mie difese di fronte al volto di Cristo, uomo incapace di condannare e di umiliare. Io ho paura di mostrare agli uomini il mio cuore, non di svelarmi a te.

21/06/2020 · Lascia un commento

Dopo la pandemia, 5 parole per ricominciare: Risurrezione

Se i mesi più difficili della pandemia e del lockdown hanno in qualche modo rappresentato un essere “chiusi nella tomba”, esposti alla fragilità e al rischio e sballottati dalla paura, questo ricominciare della vita sociale può avere il sapore di una vera e propria risurrezione

21/06/2020 · Lascia un commento

I sette doni dello Spirito nella pandemia

Partendo dal racconto degli Atti degli apostoli (2,1-6), i vescovi hanno sviluppato in una ventina di pagine il tema dei sette doni dello Spirito, chiedendosi quali sarebbero i nuovi doni dello Spirito dopo il culmine della pandemia.

19/06/2020 · Lascia un commento

P. Pierli – Cuore di Gesù 2020

La spiritualità del cammino che il Sacro Cuore ci delinea, è un ritorno alle origini, all’essenza del messaggio di Gesù. Io vi invito oggi a tornar a contemplare Gesù di Nazareth il giorno in cui per la prima volta ha espresso la sua spiritualità. Luca 4, 16- 21.

18/06/2020 · Lascia un commento

Cuore di Gesù (9) Collaboratori di Cristo nell’arte della riparazione

Quando un uomo è raggiunto da questa trafittura, “non può tacere ciò che ha visto ed ascoltato”. Pietro e Giovanni sono così segnati, stigmatizzati, cicatrizzati dall’amore del Crocifisso-Risorto che non riescono a tenere chiusa la bocca davanti al sinedrio. Parlano con franchezza lasciando i capi del popolo senza parole e stupiti (cfr At 4,20).

17/06/2020 · Lascia un commento

Cuore di Gesù (8) Riportati alla bottega del vasaio

La festa del Sacro Cuore è per noi un’occasione per riflettere sul suo significato alla luce della qualità del cuore missionario di san D. Comboni. Questa riflessione ci porterà a chiederci che cosa vuol dire per noi oggi avere un cuore missionario alla luce del Mistero del Cuore di Gesù e di come l’ha vissuto Comboni.

17/06/2020 · Lascia un commento

Enzo Bianchi “L’amore autentico offre tempo e presenza”

Gesù ha vissuto l’amore, innanzitutto, offrendo il suo tempo e la sua presenza. Oggi la contraddizione all’amore autentico viene soprattutto dalla mancanza di tempo, dal non dare all’altro la propria presenza.

15/06/2020 · Lascia un commento

Cuore di Gesù (7) Il cuore ferito

Il cuore ferito «è l’immagine delle fragilità e ferite del nostro tempo. Il cuore aperto di Gesù include e accoglie tutte le ferite fisiche e psichiche, anche le nostre. Prenderle come cosa seria, esporle apertamente, significa prendersene cura e rimarginarle – in maniera umana, carica di comprensione, con una disposizione empatica.

14/06/2020 · Lascia un commento

Dopo la pandemia 5 parole per ricominciare: 4. Trasformazione

In questo tempo di post pandemia forse sono diverse le cose che abbiamo potuto vedere dentro e intorno a noi e che desideriamo siano trasformate; non serve far finta che va tutto bene e che possiamo riprendere la vita di prima senza interrogarci e senza cambiare.

13/06/2020 · Lascia un commento

Cisterne di silenzio

La crisi ecologica si presenta come una crisi dell’umano e i processi di desertificazione in atto sul nostro pianeta sono causa dei deserti interiori, di quel vuoto che fa paura e che l’uomo, invece di coltivarvi il silenzio, lo va a coprire di rumore e di parole sterili.

12/06/2020 · Lascia un commento

Denis Edwards – Eucaristia ed ecologia

n che modo le questioni ecologiche, così come il cambiamento climatico globale, influiscono sulle nostre celebrazioni dell’Eucarestia? Come si relaziona il culto eucaristico all’azione ecologica e agli stili di vita? Cos’è vivere una vocazione ecologica davanti al Signore Gesù Cristo?

12/06/2020 · Lascia un commento

Miracoli eucaristici a Buenos Aires con Bergoglio

Nell’Eucaristia Egli si avvicina a ciascuno, passa dentro la vita di ciascuno e lascia in tutti la sua impronta. Quindi Bergoglio esortava a non trasformare in un rito quell’adorazione, ma a commuoversi, a stupirsi di Gesù e a chiedergli che lasciasse la sua impronta indelebile nel proprio cuore.

11/06/2020 · Lascia un commento

Le 233 ostie di Siena

A cento anni dall’ultima analisi c’è la conferma che le Sacre Particole conservate nella basilica di San Francesco, a Siena, si stanno ancora mantenendo miracolosamente intatte, contro ogni legge naturale. Nel contenitore sono state rinvenute – com’era prevedibile – muffe e batteri, ma incredibilmente nessuna ostia è stata intaccata.

11/06/2020 · Lascia un commento

Cuore di Gesù (5) Tra storia, preghiera e devozione

Alle origini di un culto molto popolare che ha ispirato chiese, atenei, oratori. Dalle visioni di santa Margherita Maria Alacoque a papa Francesco: non un’immaginetta ma il cuore della rivelazione.

11/06/2020 · Lascia un commento

Radcliffe: lezioni dall’isolamento

«Siamo stati afflitti da tre forme di isolamento»: siamo stati separati da parenti e amici, siamo stati separati dall’eucaristia, siamo stati separati dalla morte dei nostri cari. Ciascuna rappresenta un dolore e una perdita, eppure ciascuna «può trasformarsi in una nuova forma di comunità».

11/06/2020 · Lascia un commento

Enzo Bianchi – Digiuno eucaristico e messe solitarie

Nel mio cuore l’augurio è che i cattolici non si siano abituati alla “messa come e quando vogliono”, “da casa”, e che possano ritornare all’eucaristia domenicale convinti che – come dicevano i martiri delle origini – “sine dominico non possumus”, “senza eucaristia domenicale non possiamo dirci cristiani”.

09/06/2020 · Lascia un commento

I tre veleni che minacciano la vita del credente

Il Papa individua tre nemici da cui dobbiamo difenderci: il narcisismo, il vittimismo, il pessimismo. Sono questi i tre veleni da cui dobbiamo guardarci per non rendere sterile, pesante, contraddittoria la nostra vita di credenti.

08/06/2020 · Lascia un commento

P. Carmelo Casile: “Sarò io ad aiutare Dio”

Avevo dimenticato questa risposta; quando l’ho rinvenuta, ha destato in me molta gioia; ho riflettuto e mi sono reso conto che anche quando gli sono scappato dalle braccia, Lui, il Buon Pastore, mi ha sempre riafferrato… e continua a volermi tenere tra le sue braccia…

07/06/2020 · Lascia un commento

Dopo la pandemia, 5 parole per ricominciare: 3. Riconciliazione

C’è un mondo che si è infranto e, tuttavia, questo “essere stati spezzati” può anche essere proprio l’occasione preziosa della nostra vita e del nostro mondo: quando Gesù si spezza, nel segno del pane, proprio allora offre “una nuova ed eterna alleanza”.

07/06/2020 · Lascia un commento

Cuore di Gesù (4) Le ragioni del cuore

Dio ha un cuore… e lo manifesta come? Proprio come faremmo noi: individuando qualcuno a cui legarsi per sempre. Dio, infatti, sceglie un popolo a cui appartenere in maniera unica perché tutti gli altri popoli possano conoscere ciò che Egli vorrebbe compiere con ogni uomo.

06/06/2020 · Lascia un commento

Luciano Manicardi – Compagna fragilità

Ogni crisi, sia personale che collettiva, può produrre due tipi di risposta che possiamo sintetizzare con due verbi: o fuggire o attraversare. La prima è di tipo regressivo: ritornare allo stato di prima, ancorarsi al già noto, trovare un capro espiatorio, perseguire soluzioni autoritarie…

06/06/2020 · Lascia un commento

  • 490.503 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 896 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie