COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Archivi categoria: Lectio Divina

APOCALISSE – cap. 19-20 – Stancari (11)

Le visioni che stiamo leggendo si inseriscono negli ultimi versetti del cap. 16, là dove Giovanni ci parla delle sette coppe che vengono versate dai sette angeli. Ed è proprio nel momento in cui viene versata la settima coppa che viene annunciata la caduta di Babilonia la grande.

27/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 17-18 – Stancari (10)

Quanto adesso leggiamo nel cap. 17, e poi leggeremo di seguito, forma quelle visioni di Giovanni che sono, per così dire, interne a quest’ultimo quadro nella visione precedente: la caduta di Babilonia.

23/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 15-16 – Stancari (9)

Siamo sempre all’interno del settimo squillo di tromba e di quel “segno grande” che abbiamo visto nel cap. 12 e che adesso viene richiamato all’inizio del cap. 15.

23/11/2020 · Lascia un commento

Vangelo di LUCA – Cap. 19-21 Fausti (10)

Insieme alla parabola del samaritano e del Padre misericordioso, questo racconto dell’incontro tra Gesù e Zaccheo si può considerare “un Vangelo nel Vangelo”, nel senso che ne esplicita gli elementi fondamentali.

23/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 14 – Stancari (8)

Le pagine che stiamo leggendo fanno capo al settimo squillo di tromba, quello che è risuonato alla fine del cap. 11. Settimo sintomo della fine, di quella crisi permanente che è componente costitutiva della storia umana.

23/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 12-13 – Stancari (7)

Nel cap. 12 abbiamo una serie di tre quadri; tre visioni che sono strettamente coordinate fra loro. I tre quadri si sviluppano in maniera tale che il primo quadro contiene gli altri due, nel senso che il secondo e il terzo sono ingrandimenti di particolari già interni al primo quadro

23/11/2020 · Lascia un commento

Libro dell’Apocalisse – cap. 20-22 – Carrarini (4)

La distruzione di Babilonia, del mostro e della bestia segnano la fine di una incarnazione storica del drago. Ma lo spirito del male resta ancora vivo nel mondo e la lotta continua fino alla sua sconfitta definitiva e alla realizzazione della città nuova dove esiste solo il bene.

23/11/2020 · Lascia un commento

Libro dell’Apocalisse – cap. 12-19 – Carrarini (3)

La seconda parte dell’Apocalisse (cap. 12-22) sembra aggiunta al libretto preesistente durante la persecuzione di Domiziano. Vuole rispondere a un interrogativo delle comunità: Ma quando arriva questa liberazione? Quando entreremo nella terra promessa? Giovanni sente che la lettura di fede in chiave esodica non basta più…

23/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 10-11 – Stancari (6)

Le pagine che adesso leggiamo dei capp. 10 e 11 si inseriscono nell’eco del sesto squillo di tromba che allude all’esperienza di quella capacità di distruzione che, nell’esperienza umana, assume una fisionomia mostruosa e diventa motivo di terrore massimamente angosciante.

21/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 8-9 – Stancari (5)

La storia degli uomini è sempre in crisi; l’essere in crisi non è un’occasione, un episodio; non appartiene a un’epoca: l’essere in crisi della storia umana è componente strutturale di essa.

21/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 6-7 – Stancari (4)

Oggi ci occupiamo dei due capitoli successivi, il sesto e il settimo, e non avremo difficoltà a sintonizzarci con il filo conduttore della sequenza di visioni, che scaturiscono tutte dalla prima, fondamentale descritta nel capitolo primo: il Mistero Pasquale

19/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 4-5 – Stancari (3)

A partire dalla prima grande visione nel capitolo primo, nel giorno del Signore mentre è in corso la celebrazione dell’Eucaristia, Giovanni “vede”. Il Mistero Pasquale è il criterio interpretativo di tutto.

19/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 2-3 – Stancari (2)

Nei capitoli 2 e 3 dell’Apocalisse troviamo il testo delle sette lettere inviate alle Chiese, che già sono state menzionate nel versetto 11 del capitolo primo.

17/11/2020 · Lascia un commento

APOCALISSE – cap. 1 – Stancari (1)

Intraprendiamo la lettura di un libro che normalmente suscita qualche incertezza, anche se esercita sempre su di noi un singolare fascino. Si tratta dell’Apocalisse di Giovanni.

15/11/2020 · Lascia un commento

Vangelo di LUCA – Cap. 16-18 Fausti (9)

L’uomo è un amministratore ingiusto, perché si è fatto padrone di ciò che non è suo. Però ora conosce Dio: sa che tutto dona e perdona. Di conseguenza sa “che fare” anche lui: condonare ciò che in fondo non è suo.

15/11/2020 · Lascia un commento

Libro dell’Apocalisse – cap. 4-11 – Carrarini (2)

Dopo la presentazione dei protagonisti della Rivelazione e il cammino di purificazione delle Chiese, la comunità è pronta per accogliere il messaggio su ciò che deve accadere, cioè sulla sua storia, sui fatti del passato, del presente e del futuro e sul loro legame con il progetto di salvezza di Dio.

15/11/2020 · Lascia un commento

Libro dell’Apocalisse – cap. 1-3 – Carrarini (1)

Iniziamo il cammino di riflessione sul libro dell’Apocalisse sentendo come rivolta a ciascuno di noi la beatitudine che è posta all’inizio e alla fine del libro: Beato chi prende a cuore il messaggio di Dio contenuto in questo libro.

15/11/2020 · Lascia un commento

Terza Lettera di GIOVANNI

Uomini, all’interno delle Chiese, si agitano con disobbedienze e ambizioni, ma la Chiesa, per la forza dello Spirito e dell’orazione, ha la capacità di liberarsi dalle paralisi indotte da tali uomini.

09/11/2020 · Lascia un commento

Seconda Lettera di GIOVANNI

La lettera rivela la preoccupazione per la presenza nel territorio di falsi maestri (v.10), in misura più ampia di quanto si poteva pensare, tanto che il Presbitero interviene con una lettera, promettendo una maggiore formazione della Chiesa in una prossima visita (v.12).

09/11/2020 · Lascia un commento

Lettera a FILEMONE

La Lettera a Filemone; si potrebbe chiamarla anche “biglietto”, visto che è breve (300 parole rispetto alla lettera ai Romani che ne ha 7000), ma è un testo denso e con una sola tematica. Meglio: Paolo non tratta un tema, ma il caso di una persona, Onesimo, uno schiavo fuggito dalla casa del suo padrone cristiano, Filemone.

09/11/2020 · Lascia un commento

Lettera a TITO

All’interno delle lettere paoline, un gruppetto di tre si distingue sia per i destinatari, sia per il contenuto. Contrariamente alle altre che hanno come destinatari una comunità, queste tre sono indirizzate a persone, due lettere a Timoteo e una a Tito. Costoro sono due responsabili di comunità, rispettivamente quella di Efeso e quella di Creta.

09/11/2020 · Lascia un commento

Vangelo di LUCA – Cap. 13-15 Fausti (8)

I capitoli 12-13 sono una teologia della storia, che ci rivela come Dio vede lo spazio e il tempo dell’uomo: le cose sono un dono del Padre ai fratelli (c. 12), e il tempo è l’occasione per convertirsi (c. 13). Con la venuta del Messia la storia ha raggiunto il suo fine, e il tempo avrebbe dovuto arrestarsi. Come mai invece va ancora avanti?

02/11/2020 · Lascia un commento

Lettera ai FILIPPESI – Cap. 4

Quali sono lo stile e i contenuti morali che i credenti in Cristo devono adottare? Ai fini dell’annuncio del Vangelo che è Gesù, sino a che punto i cristiani possono desumere criteri di giudizio e comportamenti di vita dall’ambiente? Il brano biblico di Fil 4, 4-9 può essere interpretato anche come risposta a questi interrogativi.

02/11/2020 · 1 Commento

Lettera ai FILIPPESI – Cap. 2-3

A quali condizioni la gioia di un responsabile della comunità può dirsi piena, o – in altri termini – quando la comunità cristiana è veramente sé stessa? La risposta, in estrema sintesi, è solo la seguente: quando i credenti che la compongono hanno in sé stessi e tra loro una mentalità conforme al loro essere battezzati in Cristo.

02/11/2020 · Lascia un commento

Lettera ai FILIPPESI – Cap. 1

Filippesi è una lettera molto confidenziale, “di intimità” (Ravasi), scritta da Paolo alla Chiesa di Filippi. Essa tratta, in estrema sintesi, due argomenti intimamente intrecciati: i rapporti personali di Paolo con la persona di Gesù Cristo, e i rapporti personali di Paolo con le persone della comunità cristiana di Filippi.

26/10/2020 · Lascia un commento

Lettera agli EFESINI – Cap. 4-5 – Stancari (3)

Paolo ci invita ad assumere la novità. Si tratta di passare dall’idolatria all’eucarestia, dalla ribellione alla docilità, dall’accidia svogliata alla tempestività della fatica che si consuma nella gioia spirituale più pura e più forte, più vibrante, più energica e più feconda.

26/10/2020 · Lascia un commento

Vangelo di Luca – Cap. 11-12 – Fausti (7)

Dopo averci svelato il suo mistero di Figlio e di fratello, con questa preghiera ci fa entrare nella paternità di Dio: in essa desideriamo quanto ci occorre per viverla. È quanto lui stesso ci dona nell’eucaristia, in cui offre se stesso come nostro cibo.

19/10/2020 · Lascia un commento

Lettera agli EFESINI – Cap. 2-3 – Stancari (2)

Il contenuto su cui Paolo insiste, qui nella Lettera agli Efesini come nella Lettera ai Colossesi, è riducibile ad una affermazione di due, tre parole, ma per Paolo serve a condensare quel respiro in una pienezza vissuta: la signoria di Cristo. Cristo è l’unico Signore, tutta la creazione gli appartiene e tutto lo svolgimento della storia umana fa capo a lui.

19/10/2020 · Lascia un commento

Lettera agli EFESINI – Cap. 1 – Stancari (1)

A noi è giunta la copia di quella lettera che è stata custodita nell’archivio della Chiesa di Efeso; Efeso è città capoluogo, città metropolitana, ha un suo ruolo di presidenza nel contesto delle chiese di quella regione. Questo ci aiuta a constatare come queste pagine sono dotate di un particolare respiro nella comunicazione

15/10/2020 · Lascia un commento

Lettera ai GALATI – Cap. 5-6 -Doglio (5)

È necessario soffermarci su questo tema della libertà — molto caro a Paolo e fondamentale per la teologia cristiana — anche se ho l’impressione che non lo abbiamo assimilato molto bene. Quella di Paolo è una convinzione profonda e decisiva: “siamo liberi”. Noi però non abbiamo l’impressione di essere così liberi.

12/10/2020 · Lascia un commento

Lettera ai GALATI – Cap. 4-5 -Doglio (4)

Al capitolo 4 l’apostolo Paolo arriva al vertice della sua riflessione e presenta la “pienezza del tempo”, cioè il momento culmine della storia della salvezza in cui il progetto di Dio viene realizzato.

12/10/2020 · Lascia un commento

Lettera ai GALATI – Cap. 3-4 – Doglio (3)

Al capitolo 3 la Lettera ai Galati entra nel vivo della dimostrazione. Paolo ha affrontato finora l’argomento da un punto di vista autobiografico, presentando se stesso con le credenziali dell’apostolo che ha ricevuto un incarico da parte del Signore.

12/10/2020 · Lascia un commento

FP.it 9/2020 – Scrittura: dolce più del miele

La prima cosa che ho fatto prima di preparare questo incontro sulla Parola di Dio è stato andare a cercare sul dizionario il significato di “gustare”. Ho trovato qualcosa di questo tipo: percepire il sapore di una cosa; ma anche: provare piacere, intimo godimento di qualche cosa.

07/10/2020 · 1 Commento

Vangelo di Luca – Cap. 10 – Fausti (6)

Il messianesimo di Gesù non liquida la storia con la sua lotta tra bene e male, dove il bene perde e il male vince – appunto perché il male “vuole” vincere e il bene è “disposto” a perdere per amore (cf. 6,27-35)! Nella storia rimane sempre la croce. Ma è la vittoria dell’amore, gloria e salvezza di Dio.

05/10/2020 · Lascia un commento

Lettera ai GALATI – Cap. 1 – Doglio (1)

Un testo molto importante nella storia del cristianesimo per diversi motivi: innanzi tutto perché è il testo paolino che ci offre il maggior numero di notizie autobiografiche sull’apostolo; poi perché contiene in bella sintesi quello che Paolo chiama il «suo Vangelo»; infine perché è stata al centro delle controversie teologiche fra cattolici e protestanti

05/10/2020 · Lascia un commento

Ravasi: Giobbe, la prova che semina grandi divisioni

Considerato uno dei capolavori della letteratura di tutti i tempi, il libro di Giobbe ha alla base la storia di una famiglia felice sulla quale si abbatte la bufera di una serie impressionante di sciagure che lasciano il protagonista – uno sceicco orientale non ebreo – inebetito su un cumulo di immondizie.

28/09/2020 · Lascia un commento

Commento al libro di GIOBBE

Giobbe è “un uomo integro e retto, che ha il timore del Signore e si astiene dal male” (1). Quest’uomo era “il più grande fra tutti i figli d’Oriente” (3). La sua vicenda si svolge fuori dalla Terra data dal Signore a Israele. Il racconto vuole dunque parlare al cuore dell’uomo, di ogni uomo, indipendentemente dalle sue appartenenze.

28/09/2020 · Lascia un commento

Lectio sul libro di QOÈLET – Carrarini (3)

Nella seconda parte del libro Qoèlet continua la sua critica alla mentalità dominante nel suo tempo attraverso la confutazione di molti luoghi comuni espressi dai proverbi che correvano sulla bocca di tutti. La credulità popolare e il buon senso comune ne avevano fatto un’espressione spicciola della sapienza del vivere

24/09/2020 · Lascia un commento

Lectio sul libro di QOÈLET – Carrarini (2)

Il secondo grande tema sul quale Qoèlet riflette nella sua indagine sulla vita è quello del tempo. Nella logica di Qoèlet bisogna parlare della “inconoscibilità” o del “non senso” del tempo o, meglio ancora, del “tempo giusto” da riconoscere o del “tempo ineluttabile” che scorre travolgendo tutto.

24/09/2020 · Lascia un commento

Lectio sul libro di QOÈLET – Carrarini (1)

Più che dare ai suoi lettori-ascoltatori certezze e consolazione di fronte alla complessità della vita e ai suoi interrogativi, questo poeta – fortemente ironico, disilluso e ormai avanti negli anni – scalza tutte le sicurezze e i luoghi comuni diffusi tra la gente per seminare dubbi, sconcerto, disillusione.

24/09/2020 · Lascia un commento

Vangelo di Luca – Cap. 9 – Fausti (5)

Se nel c. 8 i discepoli ascoltano e vedono soltanto, ora, nel c. 9, dopo il battesimo sulla barca, sono direttamente coinvolti nel destino di Gesù, nella sua missione, nel servizio del pane, nella croce e nella gloria: il battesimo li ha associati a lui.

21/09/2020 · Lascia un commento

Libro dei PROVERBI – Ravasi (3)

Entriamo ora in un elemento delicato: la tipizzazione negativa femminile. Esaminando i testi, si vedrà che questa tipizzazione non è così drammatica, perché la tipizzazione femminile della stoltezza (kesilut) ha, come parallelo perfetto, la tipizzazione femminile della sapienza (in ebraico il femminile hokmah).

21/09/2020 · Lascia un commento

Libro dei PROVERBI – Ravasi (2)

Con Salomone si ha la testimonianza di un contatto, di un dialogo ecumenico con le varie culture. Durante l’epoca salomonica i fermenti, le ricerche delle letterature circostanti vengono portate a Gerusalemme e lì rielaborate. Da questo incontro nasce la letteratura sapienziale ebraica.

21/09/2020 · Lascia un commento

Libro dei PROVERBI – Introduzione

Il libro dei Proverbi appare come un’opera composita, che è stata elaborata in tempi diversi e nella quale confluiscono proverbi di varie epoche e provenienti anche da fuori Israele. Esso può essere considerato come il primo corpus sapienziale, una sorta di antologia letteraria della sapienza di Israele

21/09/2020 · Lascia un commento

Vangelo di Luca – Cap. 7-8 – Fausti (4)

Nei cc. 5-6 Luca, dando per scontato cos’è la fede, si rivolge a Israele per mostrare lo specifico della fede in Gesù. Ora comincia l’itinerario per chi proviene dal paganesimo; e si inizia spiegando cos’è per Israele la fede, in modo da renderla accessibile anche a lui.

13/09/2020 · Lascia un commento

Prima Lettera ai CORINZI – cap. 11-15 – Carrarini (5)

I capitoli dall’11 al 14 formano un’unità letteraria attorno al tema delle riunioni comunitarie che si svolgevano a Corinto per l’ascolto della Parola, la preghiera, la Cena del Signore e il pasto comune.
Nel capitolo 15 Paolo affronta il problema della risurrezione dei corpi, l’ultimo tema che i Corinzi hanno sottoposto a Paolo nella loro lettera.

13/09/2020 · Lascia un commento

Vangelo di Luca – Cap. 5-6 – Fausti (3)

Marco, ponendo la chiamata subito all’inizio del Vangelo (1,16-20), mostra come essa sia il principio della vita cristiana. Luca, facendo precedere il discorso inaugurale, l’osservazione sulla potenza della sua parola e il racconto dei suoi effetti salvifici, non solo motiva la risposta, ma anche ne mostra gli aspetti ecclesiali.

06/09/2020 · Lascia un commento

Prima Lettera ai CORINZI – cap. 7-10 – Carrarini (4)

Col capitolo 7 inizia la risposta di Paolo alle domande poste dai Corinzi nella lettera inviatagli ad Efeso… Quasi tutti i temi trattati da ora in avanti sembrano riferirsi a domande precise dei Corinzi (eccetto, forse, gli abusi nella Cena, riferiti a voce, e la negazione della risurrezione).

06/09/2020 · Lascia un commento

Prima Lettera ai CORINZI – cap. 5-6 – Carrarini (3)

Nei capitoli 5 e 6 Paolo reagisce su altri tre fatti che gli sono stati riferiti a voce da quelli di Cloe o dalla delegazione che gli ha portato la lettera dei Corinzi. Sono dei fatti che riguardano membri della comunità e mettono in luce i molti problemi suscitati dall’entrata dei pagani nella Chiesa.

06/09/2020 · Lascia un commento

Vangelo di LUCA – Cap. 3-4 – Fausti (2)

Giovanni è il prototipo dell’uomo che Dio si è preparato per stare davanti al suo volto, che è Gesù, e per aprirne agli altri la via di accesso. È la persona pronta ad accogliere il Signore che viene. Sintesi vivente dell’AT, in lui vediamo la caratteristica fondamentale di tutta la storia d’Israele: l’attesa.

31/08/2020 · Lascia un commento

Vangelo di LUCA – Cap. 1-2 – Fausti (1)

Il Vangelo di Luca è rivolto a cristiani della terza generazione, provenienti dal paganesimo. Distanti da Cristo nello spazio e nel tempo, non l’hanno visto quando è venuto né hanno conosciuto coloro che lo videro. Inoltre, il suo ritorno comincia a sembrare più lontano di quanto il desiderio e l’impazienza abbiano fatto credere.

31/08/2020 · Lascia un commento

Vangelo di LUCA – una introduzione alla lettura spirituale – Marconi (2)

Luca pone all’inizio della missione di Gesù il racconto di una sua visita a Nazareth, con un importante discorso nella Sinagoga, che diventa una specie di manifesto programmatico della sua missione.

31/08/2020 · Lascia un commento

Vangelo di LUCA – una introduzione alla lettura spirituale – Marconi (1)

Nella nostra esperienza di lettori di testi contemporanei, si apprende ben presto come sia utile dedicare un po’ di tempo alla lettura del risguardo copertina di un libro che stiamo iniziando a leggere. Infatti le informazioni sull’autore, sullo schema generale del libro e sulla motivazione per cui è stato scritto, costituiscono un aiuto interessante per una piena comprensione.

31/08/2020 · Lascia un commento

Vangelo di LUCA: in viaggio con Luca alla scoperta della nostra identità

“La vera preghiera non è nella voce, ma nel cuore. Non sono le nostre parole, ma i nostri desideri a dar forza alle nostre suppliche. Se invochiamo con la bocca la vita eterna, senza desiderarla dal profondo del cuore, il nostro grido è un silenzio. Se, senza parlare, noi la desideriamo dal profondo del cuore, il nostro silenzio è un grido”

31/08/2020 · Lascia un commento

Lectio su Matteo 7-8

Con il capitolo 7 di Matteo si conclude il discorso della montagna. Si tratta di una raccolta di esortazioni varie collegate da una certa unità di contenuto. In particolare si vede che mentre al termine del cap. 6 le esortazioni riguardavano soprattutto l’atteggiamento da assumere nei confronti di Dio, qui si parla anche dei rapporti con i fratelli.

31/08/2020 · Lascia un commento

Matteo 5-7: Il discorso della montagna

E’ il primo dei cinque discorsi – quasi cinque pilastri – su cui poggia e si articola il racconto di Matteo. Si può dire il più lungo e importante perché in esso – con un espediente didattico e letterario – è raccolto tutto l’insegnamento di Gesù, nel suo contenuto più qualificante.

31/08/2020 · Lascia un commento

Meditazioni sul Vangelo di Matteo

Una delle più importanti caratteristiche del vangelo matteano è la presenza di cinque lunghi discorsi, pronunciati da Gesù in persona. Sembra che Matteo abbia voluto raccogliere i detti o i loghia di Gesù, che circolavano tra i discepoli, parte dei quali raccolti nella cosiddetta fonte Q o Quelle, intorno a delle grandi tematiche.

31/08/2020 · Lascia un commento

Lectio sul Vangelo di MATTEO – Schena (4) Capitoli 13,53-18,35

Dopo il discorso in parabole inizia la più lunga sezione narrativa che si spinge fino al c. 18. Matteo riprende qui il filo di Marco (cc.6-8), riproducendone sostanzialmente l’ordine degli episodi, la struttura letteraria e i temi principali. Come sempre nelle parti narrative il materiale è vario.

31/08/2020 · Lascia un commento

Lectio sul Vangelo di MATTEO – Schena (3) Capitoli 11,2-13,52

Fra il discorso missionario e il discorso in parabole Matteo inserisce una seconda sezione narrativa. Già sappiamo la funzione di queste sezioni: l’evangelista è convinto che i discorsi di Gesù siano importanti, ma è altrettanto convinto che il messaggio del Regno non è una dottrina ma un evento, una storia.

31/08/2020 · Lascia un commento

Lectio sul Vangelo di MATTEO – Schena (2) Capitoli 8,1-11,1

Matteo fa seguire al grande discorso della montagna due capitoli narrativi. Sono capitoli strettamente uniti al discorso: lo illustrano e lo completano: Gesù è il Messia della Parola (discorso della montagna) e dell’azione (i miracoli); è il Messia dei poveri, li accoglie e li guarisce.

31/08/2020 · Lascia un commento

Lectio sul Vangelo di MATTEO – Schena (1) Capitoli 5,1-7,29

Le beatitudini sono il cuore del messaggio di Gesù, per capirle bisogna lasciar parlare il testo. Innanzitutto Gesù sale sulla montagna e pronuncia il discorso circondato dai dodici e dalle folle: si tratta di una folla venuta da ogni dove, persino dalla Decapoli e da oltre il Giordano. Il discorso, quindi, non è rivolto solo ai dodici o al popolo giudaico, ma a tutti.

31/08/2020 · Lascia un commento

Meditazioni sul Vangelo di MATTEO – Fausti (5)

DISCORSO ESCATOLOGICO
Matteo 24-25
In Matteo 24,3 i discepoli chiedono a Gesù quando e quale sarà il segno della sua venuta e della fine del mondo. È bene chiarire che la Parusia sarà il compimento del tempo, non la sua fine; non è che il mondo finirà o verrà distrutto, piuttosto si compirà.

31/08/2020 · Lascia un commento

  • 536.760 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 929 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie