COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Archivi tag: Gianfranco Ravasi

Martedì santo: Mistero di luce e di tenebra

Due simboli primordiali caratterizzano i due testi della liturgia di oggi: la luce e la notte. Siamo come riportati all’inizio della creazione, ma in questo caso non è solo l’azione di Dio che divide il giorno e la luce, dal buio della notte, ma la libertà dell’uomo.

30/03/2021 · Lascia un commento

Ravasi – Perché diciamo «Ego te absolvo» 

Il teologo protestante Paolo Ricca spiega come nell’atto della assoluzione il ministro della Chiesa si sovrappone a Dio ma non lo sostituisce: viene a rappresentarlo come vicario

11/03/2021 · Lascia un commento

FP.it 6/2021 Ravasi – San Giuseppe, il ‘disobbediente’

Il cardinale e biblista Gianfranco Ravasi ci guida alla scoperta del carpentiere di Nazareth. Che non obbedì alle leggi del suo tempo per abbracciare la volontà divina

27/02/2021 · Lascia un commento

O mais antigo Credo cristão

Era provavelmente a Páscoa do ano 57. De Éfeso, na costa da Ásia Menor, S. Paulo está a completar a sua Primeira Carta aos cristãos da cidade grega de Corinto. No penúltimo capítulo, o apóstolo reevoca um momento distante talvez de uma vintena de anos. Nessa ocasião, aprendeu dos seus mestres na fé cristã um Credo que agora volta a propor aos coríntios.

27/02/2021 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Ecco l’agnello di Dio!

Il lettore praticante, che è abituato a sentire questa frase ogni volta che il sacerdote leva l’ostia davanti ai fedeli prima della Comunione, si chiederà: perché mai proporre una simile dichiarazione, pronunciata dal Battista, tra le parole difficili presenti nei Vangeli?

05/01/2021 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – La ricchezza del dono divino

Siamo alle ultime battute di quel gioiello letterario e teologico che è l’inno al Verbo con cui si apre il Vangelo di Giovanni. Cristo è definito con un termine greco che risuona solo qui negli scritti giovannei, ma che è caro a san Paolo: plérôma , “pienezza”.

31/12/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – La tenda del Verbo

È uno dei versetti più celebri di tutti i Vangeli. Esso è incastonato nel grandioso inno che funge da prologo al quarto Vangelo. Abbiamo proposto una versione che ricalcasse l’originale greco, ben più intenso della pallida traduzione di uso comune: «Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi».

31/12/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – I figli generati da Dio

Il soggetto di questa frase è presente nel versetto precedente del grandioso inno che funge da prologo al Vangelo di Giovanni: «I figli di Dio, quelli che credono nel suo nome» (v.12). Si avrebbe, quindi, la proclamazione di quella che san Paolo definirà come l’adozione a figli da parte di Dio mediante la fede (Galati 4,4-7; Romani 8,15-17).

30/12/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – La sconfitta delle tenebre

Tra i famosi manoscritti giudaici venuti alla luce nel 1947 a Qumran, sulla sponda occidentale del Mar Morto, ce n’è uno intitolato dagli studiosi Il Rotolo della Guerra: in esso si descrive la battaglia finale di una guerra quarantennale tra i Figli della Luce e i Figli delle Tenebre, segnata dal trionfo della Luce.

28/12/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – In principio era il Logos

Logos significa “parola, verbo, discorso”, indica la comunicazione tipica dell’essere umano. Nella Bibbia, però, come ben sappiamo, la “parola” è qualcosa di più di quello che intendiamo noi occidentali: essa è anche l’azione con cui esprimiamo noi stessi, perciò il termine ebraico dabar designa contemporaneamente la parola e l’atto.

28/12/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Il bue, l’asino e la grotta di Betlemme

La grotta, il bue e l’asino, mezzanotte: guai se nel nostro presepe mancassero questi elementi che recano con sé tutta l’atmosfera natalizia e le emozioni bellissime di un’infanzia innocente, forse perduta. Ma se scorriamo le righe del racconto evangelico di Luca, di questo apparato non c’è menzione perché esso è sbocciato liberamente come un fiore della tradizione su un testo che è, invece, molto più sobrio.

26/12/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – «Lo diede alla luce e lo avvolse in fasce»

«Maria lo guarda e pensa: Questo Dio è mio figlio. Questa carne divina è la mia carne. Egli è fatto di me, ha i miei occhi e la forma della sua bocca è la mia. È Dio e mi assomiglia! Nessuna donna ha avuto il suo Dio per lei sola. Un Dio piccolissimo che si può prendere tra le braccia e coprire di baci, un Dio tutto caldo che sorride e respira, un Dio che si può toccare e vive».

26/12/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Un’intricata questione cronologica

Sono stati scritti volumi interi su questo passo simile più a un macigno storico che a una pietra d’inciampo nell’analisi critica dei Vangeli. Noi ci accontenteremo di una piccola nota sintetica. L’unico censimento documentato di Quirinio (ne parla anche lo storico Giuseppe Flavio del I sec.) fu eseguito nel 6-7 d.C. quando Gesù doveva avere almeno dodici anni…

25/12/2020 · 1 Commento

Gianfranco Ravasi – A Betlemme con Maria incinta di Gesù

È probabile che i parenti di Giuseppe non avessero più a disposizione una stanza per lui e la sposa incinta. Gli offrirono, allora, uno spazio collegato alle residenze di allora, ove erano ospitati gli animali di notte e d’inverno e ove spesso si riuniva la famiglia nelle serate fredde. È san Girolamo che visse per decenni a Betlemme a evocare questo riparo offerto da una grotta naturale o scavata nella roccia.

24/12/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Il precursore, «amico dello sposo»

«E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo, perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade…» (Luca 1,76). Così il sacerdote Zaccaria, nel Benedictus, l’inno di ringraziamento a Dio per … Continua a leggere

23/12/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Il canto di Maria e dei poveri

È questa l’unica volta in cui Maria parla a lungo. Le altre cinque volte ricorre solo a frasi brevi, quasi smozzicate. Ora, invece, il suo canto si espande, tenendo in filigrana la voce di un’altra donna, Anna, che ringraziava Dio per il dono del suo figlio, il profeta Samuele.

22/12/2020 · Lascia un commento

Ravasi – «Beata colei che ha creduto»

Anche noi ci incamminiamo idealmente verso quell’anonima «città di Giuda nella regione montuosa» di cui parla l’evangelista nel suo racconto (1,39- 45). In realtà la tradizione ha voluto identificare quella città ignota con il delizioso villaggio di Ain Karim (“la sorgente della vigna”) che oggi è in pratica un sobborgo di Gerusalemme. Là si eleva una basilica francescana in mezzo al verde e alla pace.

21/12/2020 · Lascia un commento

Ravasi – Il sì di Maria: «Ecco la serva del Signore»

Su un coccio (tecnicamente ostracon) scoperto in Egitto e databile attorno al V sec. si leggeva in greco questa invocazione mariana: «Vergine Madre di Dio, salve, piena di grazia, il Signore è con te. Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo, perché tu hai generato il Salvatore delle nostre anime». Era in pratica una delle prime “Ave Maria”

20/12/2020 · Lascia un commento

Ravasi – «Tua moglie ti darà un figlio»

È Luca (1,15) a delineare così l’origine del Precursore e a porre sulla ribalta la donna che l’aveva partorito. Il cui nome era solenne, lo stesso della moglie di Aronne, fratello di Mosè e capostipite del sacerdozio di Israele: Elisheba‘, cioè Elisabetta, che in ebraico significava “Dio ha giurato” o forse anche “Dio è pienezza”

19/12/2020 · Lascia un commento

Ravasi – Giuseppe, un padre giusto e umile

Figura modesta e silenziosa (nei Vangeli non è riferita nessuna sua parola), egli riveste un rilievo particolare solo nel racconto della nascita e dell’infanzia di Gesù secondo Matteo. Il cuore della narrazione è nell’annunciazione-vocazione che Giuseppe riceve da Dio attraverso un angelo (Matteo 1,18-25).

18/12/2020 · Lascia un commento

Ravasi – Quattordici generazioni

È noto che, aprendo la prima pagina del Vangelo di Matteo, ci si imbatte in un arido elenco di nomi, una genealogia che era, però, un genere molto caro agli antichi abitanti del Vicino Oriente. Essi, infatti, in quella catena di nomi – non di rado fittizi o impropri – intuivano la propria storia e la grandezza delle loro origini.

18/12/2020 · Lascia un commento

FP.it 12/2020 Gianfranco Ravasi: «Nella solitudine della pandemia abbiamo scoperto la meditazione»

“Non c’è amore più grande di colui che dà la vita per la persona che ama”. Questa è forse utopia? Ma se le religioni non avessero l’utopia a cosa servirebbero? Non possono essere utili solo a registrare il reale. Ma c’è però anche un’utopia concreta, in quelle parole che Cristo forse oggi scriverebbe.

11/11/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Le tre pietre sacre di Gerusalemme

In occasione del recente restauro dell’affresco raffigurante una veduta ideale della città di Gerusalemme, realizzato nell’Anfiteatro Flavio sull’arco di fondo della Porta Triumphalis, volta verso il Foro Romano, il Colosseo ospita la lectio magistralis delCardinal Gianfranco Ravasi

25/10/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Quei «folli di Cristo» che minano le certezze

Un’antologia di personaggi vissuti in Oriente e Occidente spesso capaci di grandi provocazioni spirituali, da Giovanni il Calibita a Massimo il Kausokalibita, da Francesco d’Assisi a Jacopone da Todi.

13/10/2020 · Lascia un commento

Ravasi: Giobbe, la prova che semina grandi divisioni

Considerato uno dei capolavori della letteratura di tutti i tempi, il libro di Giobbe ha alla base la storia di una famiglia felice sulla quale si abbatte la bufera di una serie impressionante di sciagure che lasciano il protagonista – uno sceicco orientale non ebreo – inebetito su un cumulo di immondizie.

28/09/2020 · Lascia un commento

Libro dei PROVERBI – Ravasi (3)

Entriamo ora in un elemento delicato: la tipizzazione negativa femminile. Esaminando i testi, si vedrà che questa tipizzazione non è così drammatica, perché la tipizzazione femminile della stoltezza (kesilut) ha, come parallelo perfetto, la tipizzazione femminile della sapienza (in ebraico il femminile hokmah).

21/09/2020 · Lascia un commento

Libro dei PROVERBI – Ravasi (2)

Con Salomone si ha la testimonianza di un contatto, di un dialogo ecumenico con le varie culture. Durante l’epoca salomonica i fermenti, le ricerche delle letterature circostanti vengono portate a Gerusalemme e lì rielaborate. Da questo incontro nasce la letteratura sapienziale ebraica.

21/09/2020 · Lascia un commento

Libro dei PROVERBI – Ravasi (1)

Abbiamo davanti a noi un libro, quello dei Proverbi, che è emblematico per un genere letterario, quello della letteratura sapienziale. È una letteratura nella quale si entra sempre con molto piacere perché è molto ricca e originale.

21/09/2020 · 1 Commento

Ravasi: Questa nostra carne, tempio dello Spirito

Dalla Genesi alle Lettere apostoliche excursus dedicato all’importanza data alla fisicità corporea nelle Sacre Scritture

16/09/2020 · Lascia un commento

Ravasi – Sion, monte della pace per tutti i popoli

Iniziamo una salita ideale sui monti biblici, scoprendone il significato teologico. Partiamo da Sion, luogo per eccellenza della presenza divina a causa del tempio che vi erigerà Salomone.

27/08/2020 · Lascia un commento

Ravasi – Il cantico biblico delle creature

Il Salmo 104 (103) è un vero e proprio inno all’unico e vero Signore dell’Universo e alla terra uscita dalle sue mani, che l’uomo contempla con meraviglia, stupore e gratitudine

21/08/2020 · Lascia un commento

Ravasi – L’arcobaleno, segno dell’alleanza con Dio

Suggello alla catastrofe del diluvio, questo ponte fra cielo e terra diventa l’emblema di un patto di taglio universalistico e cosmico: con l’umanità intera e con la stessa terra

01/08/2020 · Lascia un commento

Ravasi – Il giardino del mondo e il suo Artefice

IL GRANDE LIBRO DEL CREATO (1)
Gianfranco Ravasi
Ogni anno per Famiglia Cristiana scrive riflessioni e commenti sui passi della Scrittura. Il tema di quest’anno è “Il grande libro del Creato”

24/07/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Il cosmo, la natura e l’uomo “forgiato” da Dio: una ecologia cristiana dell’ambiente e della persona

“Non so che immagine abbia di me il mondo, ma io mi vedo come un bambino che gioca sulla riva del mare e di tanto in tanto si diverte a scoprire un ciottolo più levigato o una conchiglia più bella del solito, ma davanti a me si stende ancora inesplorato l’immenso oceano dell’universo e della verità” (Newton)

25/06/2020 · Lascia un commento

Ravasi – Il misterioso Servo del Signore

Entriamo in uno dei passi profetici capitali dell’Antico Testamento, il cosiddetto «quarto canto del Servo del Signore» nel Deutero-Isaia.
Che sembra anticipare morte e risurrezione di Cristo

06/03/2020 · Lascia un commento

Ravasi – Os primeiros passos de “Cresto”

Dois livros publicados recentemente oferecem a ocasião para lançar um olhar sobre dois momentos da história do cristianismo das origens. O primeiro texto conduz-nos aos alvores da nova religião e da sua apresentação na ribalta pública.

08/02/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Bíblia: entre a “regra” dos livros canónicos e o fascínio dos apócrifos

Na perspetiva católica, um livro é canónico quando a Tradição da Igreja, iluminada e guiada pelo Espírito Santo para salvaguardar o património da revelação, acolheu esse livro como inspirado por Deus, e assim se manteve no seu ensinamento, para além de algumas hesitações temporais.

25/01/2020 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi, “A aventura dos Evangelhos”

Partir da voz de Jesus para acabar numa página escrita: é um pouco a aventura dos Evangelhos. Uma aventura complexa que se desenvolve através de algumas décadas. Será possível redesenhar esta aventura que implica múltiplos atores e numerosos problemas históricos e literários?

22/01/2020 · Lascia un commento

Ravasi, La Natività di Gesù spiegata dai Profeti

Gli oracoli dell’Antico Testamento servirono da guida agli evangelisti per leggere e interpretare gli eventi portentosi legati alla nascita e alle fasi iniziali della vita di Cristo

29/12/2019 · Lascia un commento

Ravasi, Splende nel Diwan la luce d’Oriente

In questo articolo, il Cardinale Gianfranco Ravasi narra del «Canzoniere», del poeta e martire al-Hallaj. Un testo splendido per dettato poetico e intima comunione con Dio, espressi con il linguaggio dell’amore.

16/12/2019 · 1 Commento

Gianfranco Ravasi, “Trappole postmortali”

«La morte è il riposo, ma il pensiero della morte è il disturbatore di ogni riposo». La verità di questo assioma, annotato nel suo diario Il mestiere di vivere, Pavese l’ha dimostrata tragicamente col suo suicidio. Ai nostri giorni, però, si è adottato un altro sistema per neutralizzare questa inquietudine…

04/12/2019 · Lascia un commento

Ravasi, Quando il sacro fa i conti con la violenza

Un orizzonte cupo, segnato da conquiste e lotte, sembra essere il basso continuo della storia umana: la Bibbia non ignora questa realtà, fino al radicale rovesciamento operato da Cristo.

12/11/2019 · Lascia un commento

Ravasi, Fratellanza umana e dialogo interreligioso nella storia. L’anima profonda delle fedi

Abbiamo voluto descrivere sommariamente questa mappa teologica piuttosto articolata e variegata per far comprendere quanto sia necessario ma anche complesso il dialogo interreligioso sia tra i monoteismi sia nello spettro più vasto dei fenomeni religiosi.

06/11/2019 · Lascia un commento

Ravasi, O bater do coração

«É fácil ser jovem e agir bem, e manter-se distante de toda a mesquinhez. Mas sorrir, quando já desacelera o bater do coração, isso tem de ser uma aprendizagem.»

26/09/2019 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi – Diaboliche «fake news»

Falsità. Il serpente tentatore della Genesi rappresenta l’archetipo di una comunicazione malata che comunque si diffonde e si accredita ammantandosi dei colori della verità.

17/08/2019 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi “La teologia della prosperità”

Una costellazione di gruppi spirituali che sbocciano come funghi soprattutto nei quartieri poveri e che hanno a capo ricchi proprietari, dotati di diffusi network radio-televisivi: uno dei bacini di voti più ampi per l’ascesa al potere del presidente brasiliano Bolsonaro.

23/07/2019 · Lascia un commento

Ravasi: Gli equivoci sulla Maddalena

È una storia strana quella di Maria, la discepola di Gesù originaria di Magdala, un villaggio di pescatori sul lago di Tiberiade, centro commerciale ittico denominato in greco Tarichea, cioè “pesce salato”. La sua figura fu, infatti, sottoposta a una serie di equivoci.

21/07/2019 · Lascia un commento

Cardinal Ravasi: Sventolare il crocefisso? Un rituale magico

«Credere è un rischio. Fede e religione non sono sinonimi, anche se tra loro connessi. La fede è un’esperienza esistenziale, una scelta radicale. La religione è la manifestazione esteriore. Agitare il Vangelo, ostentare il rosario, baciare il crocefisso non fa di te necessariamente un credente».

20/06/2019 · Lascia un commento

Vita, volti e pensieri di madri nella Chiesa – di Gianfranco Ravasi

In questo articolo il Cardinale Gianfranco Ravasi ci racconta del dialogo nato dalle interviste di Sabina Caligiani, che ha interpellato 17 testimoni (religiose, laiche, spose, genitrici, scrittrici, giornaliste, filosofe e critiche d’arte) per evidenziare il loro ruolo nella comunità ecclesiale.

07/06/2019 · Lascia un commento

Teologia della Liberazione, di Gianfranco Ravasi

In questo articolo il Cardinale Gianfranco Ravasi analizza il volume del giovane teologo Gustavo Gutierrez – Verso una teologia della liberazione –  pubblicato cinquant’anni fa, e che sarebbe diventato un vessillo per tutta l’America Latina, e quasi un incubo per Roma.

07/06/2019 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi “Teologia della liberazione”

Cinquant’anni fa, nel 1969, a Montevideo veniva pubblicato un volume intitolato Hacia una teología de la liberación (Verso una teologia della liberazione). Autore era un ancor giovane teologo, Gustavo Gutierrez, nato nel 1928 a Lima.

21/05/2019 · Lascia un commento

O tesouro

«Cuida do tesouro que Deus te enviou. Lentamente ele escorrega entre os dedos, e já não o voltas a ver, até que tenhas de responder como o preservaste.» Foi definido … Continua a leggere

19/05/2019 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi “Sante monache nel deserto”

Un famoso Padre della Chiesa, Giovanni Crisostomo, non esitava a riconoscere che «queste donne hanno lottato meglio degli uomini e hanno riportato più splendidi trofei» (così in un’omelia sul Vangelo di Matteo).

07/05/2019 · Lascia un commento

Gianfranco Ravasi: «Anche Gesù usava i tweet (a fin di bene)»

In questi ultimi anni, le iniezioni di negatività hanno intossicato la convivenza, non solo nella società italiana, e spesso avvelenato i pozzi, impedendo, a chi cercava di farlo, di ribaltare la tendenza e diffondere positività.

27/04/2019 · Lascia un commento

Card. Ravasi: Fondamenta dei fondamenti

In questo articolo il Cardinale Gianfranco Ravasi ripercorre il lessico arabo del terrore, da gihad a Isis, per parlare dell’origine del termine “fondamentalismo”.

08/04/2019 · Lascia un commento

Ravasi: Due sfide poste alla fede nella cultura contemporanea

Gianfranco Ravasi ci introduce alla riflessione sulle sfide che la cultura contemporanea pone alla fede. La scienza, con la genetica, le neuroscienze e l’intelligenza artificiale, assieme all’utilizzo delle reti cosiddette “social” stanno modificando, con il crescente timore di una disumanizzazione, il contesto dialogico, religioso e sociale.

12/03/2019 · Lascia un commento

Ravasi: A instrução e a cultura de Jesus

Uma pergunta que certamente assoma à mente de quem se encontra com Cristo – nem que seja apenas por curiosidade – diz respeito ao seu grau de instrução. As interrogações, a meu ver, poderiam ser duas: Jesus sabia ler e escrever? Que língua ou que línguas falava?

03/03/2019 · Lascia un commento

Ravasi, Dormir na igreja

«Alguns anciãos foram ter com o padre Poemen e colocaram-lhe uma interrogação: “Se virmos irmãos a dormitar durante a liturgia, quer que os sacudamos, para que fiquem acordados?”. Ele respondeu-lhes: “Na verdade, se eu vejo um irmão que dormita durante a liturgia, coloco a sua cabeça nos meus joelhos e deixo-o repousar”.»

18/11/2018 · Lascia un commento

Ravasi: Um pedaço de céu

«Deve ser-se capaz de viver sem livros e sem nada. Existirá no entanto sempre um pedaço de céu para poder olhar, e espaço suficiente dentro de mim para juntar as mãos numa oração.»

28/10/2018 · Lascia un commento

Ravasi: O ser humano como fim

«Age de maneira a tratar a humanidade, quer na tua pessoa quer na pessoa de qualquer outro, sempre ao mesmo tempo como um fim, e nunca simplesmente como um meio.» … Continua a leggere

21/10/2018 · Lascia un commento

Ravasi: Rezar com os sentidos

«Ó Senhor, dá-me a tua luz para que veja o teu amor. Dá-me um coração para amar-te, dá-me olhos para ver-te, dá-me ouvidos para escutar a tua voz, dá-me lábios … Continua a leggere

07/10/2018 · Lascia un commento

Studio, amore e servizio: la luce di Montini

Intervento del cardinale Gianfranco Ravasi su “Paolo VI e il mondo della cultura” 

04/10/2018 · Lascia un commento

  • 679.159 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 774 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie